Home Cultura e Spettacolo Al via il trasferimento dell’Archivio dal Nautico, si va verso la riapertura

Al via il trasferimento dell’Archivio dal Nautico, si va verso la riapertura

285

Verso la riapertura dell’Istituto Nautico presso la sede di Piazza Dante Zemini: al via l’intervento per il trasferimento dell’archivio del Tribunale di Velletri.
A partire dalla giornata di domani, inizieranno i lavori per il trasferimento del copioso archivio del Tribunale di Velletri dal piano seminterrato della sede dell’Istituto Nautico di Anzio, in Piazza Dante Zemini, attualmente non agibile. E’ quanto stabilito dal sopralluogo operativo di questa mattina, al quale hanno partecipato i rappresentati del Comune di Anzio, del Tribunale, della Scuola ed i responsabili della ditta incaricata che eseguirà l’intervento.
Il percorso per la riapertura della Scuola, punto di riferimento formativo per tanti giovani studenti, era stato definito nella conferenza dei servizi del 10 gennaio scorso, coordinata dalla Commissione Straordinaria, rappresentata dal Vice Prefetto, Francesco Tarricone, alla presenza del Dirigente dell’Ufficio Scolastico Regionale, Michela Corsi, del Dirigente del Dipartimento edilizia scolastica di Città Metropolitana, Claudio Dello Vicario, del Dirigente Scolastico dell’Istituto, Barbara Durante e dei Rappresentanti dell’Asl Roma 6. Nel breve periodo è prevista l’attivazione di almeno sei aule al primo piano, con i vari servizi, sufficienti a coprire circa il 60% degli iscritti, mentre il restante 40%, con le relative quattro aule, resterà allocato presso le sedi dell’Apicio Colonna Gatti di Via Nerone e di Via Filibeck, fino al termine dell’attuale anno scolastico. Tutti gli studenti avranno modo di frequentare le lezioni in orario antimeridiano.
Allo stesso tempo è in corso di definizione la convezione per il trasferimento definitivo dello stabile alla Città Metropolitana, che effettuerà nell’immediato alcuni veloci interventi per la prossima riapertura della Scuola, in attesa dello stanziamento di ulteriori 700.000 euro nel redigendo Bilancio 2023, che consentiranno la ristrutturazione integrale dell’edificio.