Home Politica Fratelli d’Italia, i consiglieri di Anzio boicottano il gazebo in piazza

Fratelli d’Italia, i consiglieri di Anzio boicottano il gazebo in piazza

E' un simpatizzante del partito di Fratelli d'Italia a fare un'analisi della situazione del partito ad Anzio, di recente attraversato da diverse tensioni.

426

E’ un simpatizzante del partito di Fratelli d’Italia a fare un’analisi della situazione del partito ad Anzio, di recente attraversato da diverse tensioni.
“Dopo mesi burrascosi – scrive il simpatizzante che preferisce restare anonimo – finalmente sembra si sia trovata una linea volta a ricompattare il partito di Fratelli d’Italia ad Anzio. Effettuiamo un passo indietro e partiamo dall’inizio, quando il gruppo consiliare era composto da due consiglieri (Gatti e de Angelis) e un assessore (Velia Fontana); successivamente passano in Fdi altri 4 consiglieri comunali (Pascucci, Silani, Camilli, Galasso) e un altro assessore (Nolfi). Fdi diventa cosi il gruppo più consistente della maggioranza con sei consiglieri e due assessori. Forti di questi numeri qualcuno incomincia a fantasticare pensando di puntare ad obiettivi piu alti, il vecchio capogruppo viene sostituito da uno dei ‘nuovi’ arrivati, e qualcuno incomincia a contrastare l’amministrazione comunale facendo mancare i numeri in aula, spaccando di fatto il gruppo in due tronconi da quattro da un lato e due dall’altro. Ma le cose non vanno per il verso giusto e il Sindaco De Angelis revoca l’incarico all’assessore Nolfi, considerata la regista della rivolta. Da qui il  caso di Fdi ad Anzio diventa spinoso, al punto che la questione arriva anche ai vertici romani: viene deciso di commissariare il partito locale, nominando una figura autorevole e di esperienza come il deputato e presidente provinciale romano di Fdi, Marco Silvestroni. Dopo un paio di mesi, anche il parlamentare che ha provato a ricompattare il gruppo si arrende e lascia l’incarico a Romeo de Angelis, cugino del primo cittadino. Nonostante la nomina calata dall’alto e le prime criticità, il neo commissario ha provato a lavorare per cercare unità e ristabilire il giusto equilibrio. Onestamente, pare esserci riuscito; ma adesso, arrivando ad oggi, il problema risulterebbe essere un altro: ed è proprio il commissario Romeo De Angelis. Per capire meglio la realtà, basta tornare indietro di qualche giorno: il commissario aveva organizzato e pubblicizzato un incontro ad Anzio per sabato pomeriggio scorso, alla presenza anche dell’eurodeputato Procaccini e del consigliere regionale Righini. Risultato: sabato scorso non si è presentato all’evento nessuno dei rappresentanti comunali di Fdi. Ora, questo potrebbe essere solo un singolo episodio, ma non vorremmo che Romeo De Angelis fosse sì riuscito a ricompattare il partito, ma contro se stesso. Chissà, la storia di Fdi ad Anzio si riempie forse di un altro capitolo?? Comunque, non vorremmo trovarci nei panni del commissario: per descrivere la situazione attuale di Romeo De Angelis, cercando di sdrammatizzare e utilizzando un pizzico di ironia, ci viene in mente la celebre frase del grande Vittorio Gassman nel film capolavoro ‘audace colpo dei soliti ignoti: ‘m’hanno rimasto solo’”.