Home Politica Anzio – Mingiacchi dona delle opere d’arte a Bad Pyrmont

Anzio – Mingiacchi dona delle opere d’arte a Bad Pyrmont

485
Andrea Mingiacchi

Andrea Mingiacchi, consigliere del PD, in nome del gemellaggio con la città tedesca di Bad Pyrmon, nato nel lontano 1958 e che di anno in anno si è rinnovato all’insegna dell’amicizia e dell’interscambio artistico-culturale, ha donato al sindaco tedesco, Herrn Klaus Blomev, delle opere di alcuni artisti neroniani per la mostra organizzata dall’Associazione Bruecknschlag “costruire ponti”, che ogni anno coinvolge, nella ridente cittadina della Bassa Sassonia , gli artisti provenienti dalle città gemellate.

A contattare il consigliere del Pd sono stati Marianne Weiland e Jens Luker, responsabili dei rapporti con le città gemellate, in quanto dalla scadenza del bando relativo alla mostra d’arte, non era pervenuta nessuna opera dalla città gemellata di Anzio.

“Credo che l’arte – spiega Andrea Mingiacchi – sia un modo concreto per consolidare e rinnovare il nostro gemellaggio con Bad Pyrmont”. “Nelle esperienze passate – continua il consigliere – ho spesso coinvolto artisti di Cipro e Bad Pyrmont in iniziative culturali da me curate, e nel 2011 in occasione dell’inaugurazione di Shingle22j Biennale d’Arte di Anzio e Nettuno e ho avuto l’onore di avere come ospite la Sindachessa Elke Christina Roeder della cittadina tedesca, per questo dopo essere stato contattato personalmente dai responsabili dei rapporti con le città gemellate , mi sono immediatamente prodigato per raccogliere le adesioni degli artisti del territorio interessati”.

Pronta è stata la risposta di sette artisti che rappresenteranno la città di Anzio al Palmenhaus di Bad Pyrmont (Marco Massarelli, Silvio De Angelis, Giovanna Monaco, Giovanni Nerone, Domenico Cndello, Giorgio Buccolini ed Alfredo Nardini). “Sono convinto – conclude il consigliere del Pd – che queste opere, questa voglia di interscambio, rinnoveranno quel momento di condivisione e scambio artistico- culturale che ha sempre legato queste due città”.  (di Simone Tantini)