Home Sport Baseball Baseball – Città di Nettuno, ufficiale anche l’addio di De Franceschi

Baseball – Città di Nettuno, ufficiale anche l’addio di De Franceschi

537

Era nell’aria, ma ora è arrivata anche l’ufficialità. Dopo il direttore sportivo Leonardo Mazzanti si è dimesso dal Città di Nettuno anche il manager Roberto De Franceschi. “Lo considero un atto dovuto questo delle mie dimissioni – ha dichiarata al portale specialistico www.baseball.it Roberto De Franceschi – con Leonardo c’è una collaborazione che non solo sussiste qui nell’Academy dove stiamo portando avanti la struttura con i risultati che tutti conoscono, ma anche diretta a livello tecnico. Lui, in veste di direttore sportivo, mi ha investito del ruolo di manager. Saltata la sua carica era inevitabile che non ci fossero più i presupposti per portare avanti la mia”.

“Non appena abbiamo iniziato a sondare il terreno per formare la squadra – continua De Franceschi – ci siamo resi conto di quanto fosse profonda la fattura tra le fazioni che ci sono oggi a Nettuno. Il nostro sogno ed il nostro obiettivo era tornare a creare una squadra unica, cercando di far tornare quanti più giocatori possibili alla base, e ovviamente giocare allo Steno Borghese. Ma la situazione che si è creata era tale che ci siamo subito convinti di tornare a quello che sappiamo fare meglio al momento, ovvero portare avanti l’Academy e far crescere giocatori di qualità. Ci stiamo impegnando a rinforzare i cadetti e l’Under 21 a livello di staff tecnico, e per noi sarà un 2016 importante anche come progetti di collaborazione con altre strutture simili in Italia e nel mondo”.

Ora il pericolo più serio è che il Città di Nettuno rinunci al prossimo campionato di Ibl. La Federazione, comunque, dopo la rinuncia ufficiale di Godo, e quella possibile di Parma, proverà in tutti i modi ad allontanare questa ipotesi. Si procede adesso per salvare il salvabile. In questo senso sarebbe già stato contattato per il ruolo di manager Claudio Scerrato che dovrebbe ancora occuparsi di costruire praticamente da zero il roster.