Home Primo Piano Coppa Italia di Karate, il team Sacco in gara con 12 atleti...

Coppa Italia di Karate, il team Sacco in gara con 12 atleti di Nettuno

259

Domenica 12 gennaio si è  svolta a Roma la Coppa Italia di karate dell’Endas a cui hanno partecipato 25 società con oltre 300 atleti. Presente a questo importante evento di inizio anno il team karate Sacco della Waves M13 di Nettuno con 12 atleti. Tutti i nostri karatechi salgono sul tatami di gara decisi e determinati e nonostante per alcuni di loro fosse l’esordio nelle competizioni agonistiche il Team porta a casa ben 11 podi. In particolare nel kata individuale oro per Arianna Sacco nella categoria seniores, Lorenzo D’Andrea juniores e Edoardo Lalicata nel parakarate. Nel kumitè invece salgono sul secondo gradino del podio vincendo  la medaglia d’argento Laura Jaraszek, Gabriele Sacco, Michela Acqua e Manuela Romano, mentre Antonio Di Vito, Gabriele Sacco (nei 76kg juniores), Alessandra Pietrini e Angelica Stanulewicz quella di bronzo. Non sono da meno i due quinti posti di Gabriele Urciuoli e Marica Pisa che, nonostante abbiano dato il massimo non sono riusciti a piazzare il punto decisivo, perdendo 3 a 2  per giudizio arbitrale.  E’ giusto precisare che Gabriele Sacco essendo all’ultimo anno della categoria cadetti ha potuto gareggiare, oltre che in quest’ultima anche nella categoria juniores. Questa competizione è stata un ottimo test per i nostri ragazzi, commenta il M° Vincenzo Sacco, in vista delle prossime qualificazioni ai campionati italiani juniores che si terranno i prossimi 01 e 02 febbraio. Per di più per 5 giovani karatechi è stato il battesimo al kumitè agonistico e per quanto mi riguarda sono tutti vincitori in quanto, nonostante l’emozione, sono saliti sul tatami decisi e determinati lasciandosi alle spalle la tensione del confronto. Per il resto che dire, non potevamo iniziare meglio l’anno. 11 podi e due quinti posti che per la verità ci stanno anche un po’ stretti in una competizione importante come la Coppa Italia, stanno  a significare che il lavoro intrapreso con tutto lo staff della Waves M13  è quello giusto.