Home Politica ‘Laboratorio di buona politica’ all’Itis di Nettuno, il Pd ‘diffida’ la Dirigenza

‘Laboratorio di buona politica’ all’Itis di Nettuno, il Pd ‘diffida’ la Dirigenza

434
Carla Giardiello

“In questi giorni apprendiamo dai media locali che si è tenuto presso l’Itis un ‘Laboratorio di Buona Politica’ organizzato da Paolo Gatti e dall’Avvocato Emanuele Cecchetti. Chiunque legga gli articoli che riportano la notizia potrebbe sicuramente plaudere agli organizzatori e alla scuola che li ha ospitati. Peccato però che i relatori a nostro avviso non siano propriamente i più titolati e soprattutto disinteressati a plasmare le giovani menti dei ragazzi dell’Istituto”. Lo scrive in una nota stampa il Segretario del Pd di Nettuno Carla Giardiello.

“Facciamo presente alla Dirigente Scolastica Alessandra Savarese che il suo ruolo è ben altro. La scuola deve sicuramente formare degli uomini e delle donne complete e che abbiano una buona conoscenza civica. Inoltre le nuove direttive del MIUR impongono ai dirigente scolastici che nel piano dell’offerta formativa ci sia anche un’adeguata formazione civica per tutti i ragazzi che frequentano gli istituti superiori. Ma a nostro avviso chiamare un ex candidato di Forza Italia (il suo nome era ben visibile nelle liste delle scorse votazioni comunali di Nettuno) e un avvocato suo amico è sicuramente a dir poco scorretto se non addirittura pensato con un secondo scopo. Sempre dalla stampa apprendiamo che quello del 27 febbraio è il primo di 7 incontri previsti. Auspichiamo che la Dirigente Scolastica abbia ben chiaro che non potrà certo continuare a utilizzare la scuola pubblica in modo così spudoratamente di parte. Ci teniamo inoltre a precisare che noi siamo i primi a volere che i cittadini e in particolare i giovani siano formati nel campo della politica, sulla nostra splendida costituzione e sulle leggi che governano la nostra nazione. Ma proprio per questo motivo ci piace ricordare che occorre formare i nostri giovani ad un pensiero critico per renderli veramente dei cittadini in grado di essere liberi e capaci di decidere autonomamente in ogni ambito della loro vita anche in quello politico”.