Home Politica Piazza Pia riapre dopo le Feste di Natale, Comune al lavoro sul...

Piazza Pia riapre dopo le Feste di Natale, Comune al lavoro sul progetto

194
Piazza Pia

Il Comune di Anzio dopo la presentazione del progetto di riapertura di Piazza Pia (solo dal lunedì al giovedì, solo dal lato di via XX settembre e di via Baccarini) concordato con i commercianti, è al lavoro per stabilire i dettagli dell’attuazione pratica della ‘sperimentazione’ che durerà tre mesi e mai durante i fine settimana e gli eventi in centro. L’obiettivo, su pressante richiesta di alcuni commercianti, è rivitalizzare la piazza durante quei giorni e quegli orari in cui ci sono pochissime persone. Ma la sperimentazione potrà partire solo dopo le Feste di Natale, dal 15 gennaio in poi (la data è ancora da definire ed è legata ai tempi necessari per l’installazione dei nuovi dissuasori negli stalli di passaggio). La decisione di riaprire non piace alla maggioranza dei cittadini (diversi i sondaggi sui social che hanno visto una sonora bocciatura del progetto) e neanche all’opposizione che parla di scelta folle e antistorica. In molti sostengono che la crisi dei commercianti in centro non è legata alla piazza chiusa tant’è che la Ristorazione, che si trova sempre in centro, non soffre alcuna crisi e sarebbero necessarie politiche di ripopolamento del centro abitato, al momento, appena da 1300 residenti con età media 57 anni. Ma l’Amministrazione intende andare avanti e al termine della sperimentazione bisognerà capire se davvero ci sono stati dei miglioramenti, si spera con dei parametri precisi, così come richiesto dal movimento 5 stelle che ha contestato duramente la decisione di riaprire. “Non hanno dati di riferimento per dire che la crisi dei commercianti si basi sul traffico chiuso e non si sono neanche informati per sapere se in realtà simili la riapertura è stata utile. L’Amministrazione si muove su pressione di alcuni commercianti, che a intuito pensano che il traffico aperto li possa aiutare, mentre chi è contrario fa fatica a far sentire la propria voce”.