Home Attualità Riapre piazza Pia, Lo Fazio: “Decisione folle, si deve far rivivere il...

Riapre piazza Pia, Lo Fazio: “Decisione folle, si deve far rivivere il centro”

745
Aurelio Lo Fazio

Sulla riapertura di Piazza Pia ad Anzio, i cui dettagli verranno illustrati nei prossimi giorni in consiglio comunale, abbiamo sentito Aurelio lo Fazio, che all’epoca della chiusura della Piazza era in consiglio comunale e che ci dice la sua a titolo di cittadino e residente nel comune neroniano. Cosa pensa di questa decisione cosa pensava allora – chiediamo – della chiusura fortemente voluta dal Sindaco De Angelis. “Dai banchi dell’opposizione – ci risponde – al di là del progetto di rifacimento della piazza che non mi piaceva e non mi piace, l’idea dell’isola pedonale l’ho sempre sostenuta. E oggi – sottolinea – riaprire la piazza è una decisione assurda”. Per quale motivo è contrario (in diversi sondaggi on line oltre il 90% dei cittadini dice no alla riapertura)? “Il vero problema da affrontare oggi non è quello di riaprire la piazza – spiega Lo Fazio – che è una decisione antistorica e che non serve a nulla. Se fosse vero che la crisi del commercio in centro è legata alla chiusura del traffico non si spiega perché i ristoranti sono sempre pieni. La prova è questa ed è evidentissima. Se si investisse sul commercio e sulla navetta dal parcheggio de La Piccola con prezzi adeguati non ci sarebbe alcuna questione. Il problema da affrontare oggi è quello di riportare la gente a vivere al centro di Anzio. Il centro cittadino oggi vede appena 1300 residente di un’età media di 57 anni. Un dato sconcertante. Quello che serve sono gli ascensori nei palazzi e sgravi fiscali del Comune per chi sistema le facciate e per chi investe sul decoro. Riportando la gente a vivere al centro si risolverebbero tantissimi problemi. Ci sarebbe un pubblico di persone che va a fare la spesa, che vive la città, che si ferma per i negozi. Ma il problema non è certamente passeggiare o arrivare perché le attività che funzionano stanno funzionando benissimo anche adesso che l’isola è pedonale”.