Home Cronaca Il Comitato studentesco del Nautico: “La droga era fuori dalla scuola”

Il Comitato studentesco del Nautico: “La droga era fuori dalla scuola”

652

Noi del Comitato Studentesco dell’istituto De Pinedo-Colonna, oggi 15/11/19, siamo venuti a conoscenza della pubblicazione di articoli che diffamano la reputazione del nostro Istituto. La sede coinvolta è quella di Anzio, dove gli Agenti del Commissariato locale, insieme all’Unità Cinofila della Questura di Roma hanno approfittato dell’attuazione di procedure di sicurezza antincendio effettuando controlli antidroga in assenza degli studenti occupati a eseguire le procedure. Finiti i controlli da parte degli agenti, non  è stata trovata nessuna sostanza stupefacente all’interno della scuola. Tuttavia, i giornali sopracitati, riferiscono che della sostanza stupefacente è stata rinvenuta dentro un cespuglio che, però, è al di fuori dell’Istituto. Noi studenti ci teniamo a tale prescrizione perché il nostro ambiente è sereno e non coinvolto in alcuna attività illecita. Vorremmo pertanto che gli articoli dei giornali sopraelencati vengano rimossi in quanto danneggiano l’immagine di un prestigioso Istituto, inoltre chiediamo di rettificare per quanto di errato sia stato scritto negli articoli del 14/11/19.
Gli studenti Davide De Castris, Andrea Pungitore, Felipe Landa.

L’articolo pubblicato dalla nostra testata che riporta la notizia che agenti di polizia hanno trovato sostanze stupefacenti in prossimità dell’Istituto scolastico non sarà rimosso.  Il titolo, con molta chiarezza dice: “Controlli antidroga della Polizia questa mattina all’Istituto Nautico di Anzio”. Si fa quindi riferimento ai controlli in sé non al loro esito. Nel testo è riportato con chiarezza che lo stupefacente è stato trovato all’esterno, ma è chiaro che se di attività di spaccio si tratta è collegata alla presenza della scuola e agli studenti. Invitiamo il Comitato studentesco a vigilare sui possibili traffici di droga dentro e in prossimità della scuola e a fare precise segnalazioni alle forze di polizia alla reputazione della scuola può pensare la Dirigenza che, come riporta la nota di polizia, era perfettamente al corrente dei controlli.