Home Politica Spiaggia a Lido dei Pini, Maranesi replica a Lina Giannino del Pd

Spiaggia a Lido dei Pini, Maranesi replica a Lina Giannino del Pd

304
Il consigliere comunale di Anzio Marco Maranesi

“La collega Lina Giannino, capogruppo del PD, dimentica (ormai sono mesi che avviene questo) che il bando per l’affidamento in convenzione del tratto di spiaggia libera a Lido dei Pini è stato eseguito secondo disposizioni del vigente regolamento regionale e su cui la Regione, governata dal suo stesso partito, ha già risposto nei mesi scorsi, chiarendo che il tutto è stato svolto secondo la normativa in vigore”. Lo scrive in una nota stampa il consigliere comunale Marco Maranesi. “Sorprende che il Presidente della Regione Lazio, nonché segretario nazionale del PD – aggiunge – approvi un regolamento per affidare in convenzione le spiagge libere e il Capogruppo in Consiglio Comunale sempre del PD faccia una dura critica sull’operato del suo stesso partito. Non mi meraviglio di questo ennesimo atteggiamento di guerriglia interna al PD, un partito dilaniato da continue guerre interne e che lo hanno portato a raccogliere un misero 6% alle scorse elezioni amministrative e se il buongiorno si vede dal mattino è ormai certa la prossima sconfitta che prenderanno alle prossime elezioni comunali, la peggiore degli ultimi 25 anni. Rispondo inoltre alla collega che chi vuole calpestare le più elementari norme di  democrazia è proprio Lei e il fantasma chiamato Partito Democratico di Anzio che senza voti, senza consenso dei cittadini, tenta di sovvertire l’esito della democrazia che sono le libere elezioni e che hanno dato a questa amministrazione e a questa maggioranza la vittoria al primo turno per la quinta elezione consecutiva con il 55% dei voti. Il Presidente della Commissione Demanio, il Cons. di Forza Italia Roberto Camilli, persona sicuramente preparata e capace in materia, ha già convocato nei giorni scorsi varie riunioni con i tecnici e con le forze politiche di maggioranza lavorando in maniera spedita alla redazione del nuovo P.U.A. che contiamo di approvare entro gennaio 2020. I cittadini vogliono certezze e fatti che questa amministrazione sta facendo. Le chiacchiere, come sempre, le lasciamo al Pd”.