Home Cultura e Spettacolo Celebrati al campo del Bruschini i 50 anni di baseball ad Anzio

Celebrati al campo del Bruschini i 50 anni di baseball ad Anzio

119
Ricordi, emozioni, abbracci, aneddoti e pure qualche lacrima. All’ingresso una mostra di foto e documenti, ritagli di giornale e scorer d’epoca, in campo prima i piccoli Dolphins e poi a seguire giocatori, allenatori, dirigenti vecchi e nuovi. Un evento riuscito, quello dei 50 anni di baseball ad Anzio, che ha visto una grande rimpatriata con decine di partecipanti.
I Dolphins Bianchi e Blu sono scesi in campo con le divise delle diverse società operative in questi anni, grazie alla collaborazione di Claudio Sabatini che è collezionista e poi le ha esposte durante l’evento.
Il Comune di Anzio – che ha patrocinato l’iniziativa – ha inteso invece premiare i piccoli Dolphins vincitori del trofeo nazionale Kinder Coni di “Baseball5” e il campione d’Europa under 12 Filippo Sabatini che proprio con i Dolphins ha iniziato la sua attività. Presenti la presidente del consiglio comunale, Giusy Piccolo, e il consigliere comunale Flavio Vasoli. Via via sono stati chiamati in campo tutti i presenti, tra i quali i campioni d’Italia dell’Anzio giovanile nel ’79, nell’80 e nel ’96, insieme a personaggi che hanno fatto la storia o semplicemente hanno militato in una delle squadre o società che in 50 anni si sono dedicate al baseball in città.
Arrivati, fra l’altro, i saluti in video del presidente Fibs Andrea Marcon, di Frank Del George, Martin Mondino, Roberto Espinoza, un messaggio di Ralph Vanni, e altri di chi non ha potuto essere ad Anzio. Tra loro Claudio Camilli, noto come “Barone”, al quale è stato dedicato uno striscione di incitamento nella sua battaglia con la malattia.
Tra i presenti che hanno ricevuto un riconoscimento gli storici dirigenti Mario Procaccini, Massimo Rossi, Orlando Martufi, Silvio Osti, Bruno Tizzoni e l’allenatore più vincente nella storia del baseball ad Anzio: Carlo Morville
Al primo presidente dell’Anzio baseball – Elio “Eroe” Marcoccia – è stato simbolicamente consegnato un riconoscimento dall’attuale presidente dei Dolphins, Umberto Pineschi, e dal più piccolo tesserato della società: Lorenzo Tontini, di appena 5 anni. Premi anche ai presidenti presenti all’evento Angelo Scagnetti, Franco Trinci, Roberto Monaco, Rossella Sparagna per l’Anzio; ai familiari del compianto Mario Fabrizi, dell’Anzio Colonia; a quelli di Fiorenzo Capomaggi (Pirati), assente per un malessere, e a Fabrizio Mastroddi (Pirati) infine a Umberto Pineschi nei confronti del quale Marcoccia ha ricambiato la cortesia.
Un applauso ha ricordato un grande avversario scomparso sabato, Paolo Cherubini, quindi è stata la volta dei ricordi di chi ha avuto un ruolo nel baseball ad Anzio ma non c’è più. Il “mago” Emilio Della Millia, Franco Natali, Cipiano Porcu, Fabrizio Giovannelli, Alberto Augusto Polli, Nicola Nicolucci, Walter De Jacobis, Carlo Del Giaccio, Rossano Penza, Renato Reatini detto James, Mimmo Di Liborio e Stefano Pineschi. L’audio di Radio Anzio del 21 luglio ’79 con la radiocronaca del primo derby vinto dall’Anzio contro il Nettuno ha salutato il fuoricampo del compianto Steve Gardella.
Nelle foto i bambini scesi in campo con le maglie storiche, il gruppo con l’incitamento al “Barone”, Umberto Pineschi (a sinistra) ed Elio Marcoccia