Home Politica Beni confiscati alle mafie, il consigliere Carandente interroga il Comune

Beni confiscati alle mafie, il consigliere Carandente interroga il Comune

236
Luigi Carandente

Il consigliere comunale del Movimento 5 stelle di Nettuno Luigi Carandente ha presentato un’interrogazione relativa alla eventuale partecipazione del Comune di Nettuno all’Avviso pubblico per la concessione di finanziamenti per la ristrutturazione di beni immobili confiscati alla criminalità organizzata” pubblicato dalla Regione Lazio.

“È stato pubblicato, sul sito della Regione Lazio, “l’Avviso pubblico per la concessione di finanziamenti per la ristrutturazione di beni immobili confiscati alla criminalità organizzata” – scrive Carandente – è un bando di circa un milione di euro che permetterebbe ai Comuni del Lazio di poter accedere alle risorse necessarie per interventi di ristrutturazione e recupero di beni confiscati alla criminalità organizzata. Fondi ai quali il nostro Comune potrebbe accedere a patto che ci sia la volontà politica per agire in tal senso. Sarebbe infatti necessario proporre progetti per ripristino dell’agibilità dei beni confiscati e la loro messa in sicurezza con interventi di tipo strutturale, per l’abbattimento delle barriere architettoniche e l’adeguamento alla normativa vigente in materia di misure antincendio.

Proprio per queste motivazioni ho recentemente presentato un’interrogazione al Sindaco e all’Assessore competente in materia, chiedendo: se fossero a conoscenza dell’elenco completo dei beni confiscati alla criminalità organizzata e appartenenti al patrimonio del Comune di Nettuno; se fossero a conoscenza dell’”Avviso pubblico per la concessione di finanziamenti per la ristrutturazione di beni immobili confiscati alla criminalità organizzata” pubblicato dalla Regione Lazio, che ho indicato nella stessa interrogazione; se sia intenzione di questa Amministrazione partecipare al fondo già indicato esponendo dettagliatamente gli intendimenti. Auspico non solo che il riscontro sia positivo, ma anche che l’Amministrazione si attivi rapidamente poiché purtroppo il bando è in scadenza: Nettuno non può perdere questa importante occasione”.