Home Cultura e Spettacolo Successo per il Festival NettunOlistico, Fabiana Mingardi: “Grazie a tutti”

Successo per il Festival NettunOlistico, Fabiana Mingardi: “Grazie a tutti”

619

“Sono molto soddisfatta per la  riuscita del primo festival NettunOlistico svoltosi nel weekend 14-15 Settembre in Piazza Marconi. L’unione ha fatto la forza. La presenza di Radio Mania, sponsorizzata dalla NettunoLife, che ringrazio vivamente, ha messo in luce non solo l’operato degli stendisti, grandi professionisti, ma soprattutto la storia di Daniele Terenzi, un ragazzo di Nettuno che ha bisogno del nostro aiuto per acquistare la nuova protesi per la gamba persa in un incidente stradale. L’unione è stata grande anche con i commercianti del posto, la Gelateria i Nobili e la Trattoria del Borgo Antico, che ringrazio di cuore per tutto quello che hanno donato (corrente elettrica e pasto caldo)”. Lo scrive in una nota stampa di ringraziamento l’organizzatrice dell’evento, Fabiana Mingardi.

“Grande collaborazione con la parrocchia di San Giovanni, che in quei giorni ha celebrato due matrimoni oltre alle messe di rito, con rispetto reciproco è avvenuta una magica fusione-unione. La cornice fiabesca del borgo è stata oltremodo abbellita dalle splendide piante del viavaio Mingardi e di Agrizeta. Voglio ricordare l’aiuto di Franco Legnami nella realizzazione della struttura per i trattamenti in amaca per la mia associazione centro yoga DivinArmonia, e la pizzeria Tani per le sue leccornie offerte. Grazie a tutte le persone che hanno partecipato ai vari corsi di yoga, ai seminari, alle conferenze e alle donazioni fatte per aiutare Daniele Terenzi. Grazie al Comune di Nettuno e alla polizia locale, per aver accolto il mio progetto ed avermi indirizzato.
Posso concludere con un arrivederci al prossimo Festival, il gruppo c’è, standisti seri professionali e amorevoli anche, la sfida di organizzare un festival in tre settimane è riuscita, i miei collaboratori mi hanno promosso. Il fine ultimo di aiutare chi ne ha bisogno ci sarà sempre, siamo operatori olistici, è la nostra natura”.