Home Attualità Un successo il Padellone ad Anzio, i ringraziamenti della Proloco

Un successo il Padellone ad Anzio, i ringraziamenti della Proloco

428

Dopo un’assenza di due anni, è ritornato a grande richiesta “il Padellone”, giunto alla XXI edizione, realizzato dalla Pro Loco “Città di Anzio” con il Patrocinio Regionale del Turismo “Lazio eterna scoperta” e di comune accordo con l’Amministrazione Comunale e l’Assessorato alle Attività Produttive.
L’evento che celebra Anzio e il suo mare chiude “AnzioBlu2019”, una memorabile stagione estiva, ricca di eventi e spettacoli.

Nella bellissima cornice del Porto Innocenziano (dopo la Cooperativa Pescatori) è stato allestito il Villaggio Pro Loco “Città di Anzio”, dove  i commensali hanno potuto gustare i nostri menu sotto le stelle, ammirando le luci di Anzio notturna.

Lo svolgimento delle quattro giornate, dal 22 al 25 agosto, è stato brillantemente organizzato con la collaborazione del Consiglio Direttivo e di tutto lo staff di Volontari, che con serenità e spirito di sacrificio, hanno soddisfatto le numerose richieste dei turisti e residenti.

La realizzazione dell’intera manifestazione, l’allestimento, la cucina e il servizio non sarebbero stati possibili senza lo sforzo di questi concittadini a cui va il primo e più grande ringraziamento. È stato possibile gustare i primi piatti, diversi ogni giorno, preparati dallo chef  Aristodemo Del Gatto con la collaborazione di Susanna Balzani e Mario; la preparazione del pesce è stata curata da Ivan e Marco, mentre la croccante frittura di calamari e gamberi è stata preparata (con olio Colavita) da Fabio, con l’aiuto di Alessia e Manuele; alle patatine si è prodigato Antonio, con il preziosissimo aiuto di Alberto e Matteo; mentre  la mescita delle bevande, in particolare del vino doc Cacchione della Cantina Bacco (Nettuno), è stata curata da Gianluca e Salvatore. Tutti i commensali sono stati serviti con il sorriso di Editta, Giuseppe, Anna, Antonella, Fabiana, Anna e Nadia. La cura e pulizia dei tavoli è stata possibile grazie ai giovani Marco, Luigi, Giuditta, Giada, Martina e Marco. Alla cassa, come sempre Aurelio.

Arricchiva il panorama una imponente scenografia, lunga 18 metri e alta 3.20, realizzata dallo scenografo Giancarlo Sensidoni, che rappresentava la storia e la cultura della Città (il Colosseo, Nerone, Papa Innocenzo XII, Angelita, lo sbarco degli Alleati, la Villa di Nerone) con ai lati due fari alti metri 6, fedeli riproduzioni del Faro Anziate.

Particolarmente apprezzata e seguita venerdì 23/08 è stata la performance di Claudio Mazza Presidente della Pro Loco di Pomezia e Presidente del Consorzio “Antiche Vie di Roma”,  che comprende Anzio, Ardea, Pomezia e Fiumicino, che si è cimentato nella scultura di cinque cocomeri, raffiguranti volti e fiori.

Le quattro serate sono state allietate da band locali, che hanno intrattenuto i commensali durante la cena: Giovedì 22/08 i Canta e Gira, Venerdì 23/08 i Blu Band, Sabato 24/08 i Mescaleros e Domenica 25/08 i Tre per caso.

Quest’anno la Pro Loco “Città di Anzio” ha voluto preservare l’ambiente, utilizzando materiali biodegradabili e riciclabili.

Un ringraziamento particolare alle Cooperative “La Concordia” e “Fanciulla d’Anzio” e a tutti i Pescatori per la sensibilità e la collaborazione prestata nell’allestimento del piazzale del molo Innocenziano.

Ed ancora ringraziamenti a: Regione Lazio “Lazio eterna scoperta”, Amministrazione Comunale, l’Assessore al Bilancio Eugenio Ruggiero per la sua presenza, Comandante Capitaneria di Porto T.V. Enrica Naddeo, Comando Vigili Urbani; Cantina Bacco, Piano Casa Ceramiche, Fratelli del Gatto, Euro Distribuzione, Hotel Lido Garda, La Mediterranea, Centro Casa Polverini, Succi Romano Immobiliare, Colavita s.p.a, Athletics, Gianfranco Cavallaro, Antonello Ciapetti, Giovanni Garzia, Giuseppe Polverini, Vincenzo Ussia e Marco Di Fraia .

Un GRAZIE sincero a tutti e …..ARRIVEDERCI  AL 2020                                                                                                                                                                            Il Consiglio Direttivo