Home Attualità Meno rifiuti e più riciclo ad Anzio, ecco le iniziative della Camassa...

Meno rifiuti e più riciclo ad Anzio, ecco le iniziative della Camassa Ambiente

303

Scuole, mercati, isole ecologiche sono stati tra gli obiettivi di Camassambiente Spa per migliorare la raccolta differenziata dei rifiuti ad Anzio.
Il gestore dell’igiene urbana, di concerto con l’Ufficio Ambiente, ha infatti avviato dall’inizio dell’anno alcune iniziative negli istituti e mense scolastiche, nei mercati settimanali di Colonia ed Europa, presso le isole ecologiche di Anzio Centro, con l’unico obiettivo di raccogliere meno rifiuti indifferenziati e recuperare più materiali da avviare al riciclo. Nelle scuole è stato avviato il progetto “Riciclasse” il format dell’azienda per le scuole, con un attento monitoraggio della situazione rifiuti, incontri con i dirigenti scolastici, consegna di istruzioni per alunni, operatori scolastici ed addetti alla mensa, riorganizzazione del servizio.
Questa prima fase, dedicata soprattutto agli “addetti ai lavori” ha già consentito di migliorare notevolmente i risultati della raccolta e il decoro di molti istituti. I prossimi passi saranno quelli di dotare tutte le aule di contenitori per la raccolta, forniti dal Comune di Anzio e organizzare incontri con alunni e docenti. Nei mercati settimanali da alcuni mesi è attivo un sistema di raccolta differenziata, con un servizio dedicato agli operatori commerciali. I risultati sono stati da subito ottimi, grazie alla collaborazione dei commercianti, alla comunicazione, ad un investimento in dotazioni e maggiori mezzi e personale dedicato al servizio.
Dal 17 giugno è stata infine avviata una sperimentazione presso le 8 isole ecologiche di Anzio Centro. Le “ECO ISOLE” così ribattezzate, sono state numerate e sono state regolamentate con un calendario settimanale e orari di conferimento limitati. Lo scopo era quello di regolamentare una situazione notoriamente ingovernabile: isole ecologiche vandalizzate, conferimenti di chiunque (da fuori zona, utenze commerciali, ecc.) e dovunque (dentro le bocchette e, soprattutto, dietro), quindi raccolta quotidiana di indifferenziato e demotivazione degli utenti corretti. Quindi per 2 settimane le 8 eco isole sono state presidiate da facilitatori-controllori, a carico di Camassambiente, con lo scopo di aiutare l’utenza nel passaggio al nuovo sistema. Con pazienza e dedizione sono stati quotidianamente presenti informando l’utenza sul nuovo sistema di conferimento, consegnando il volantino con le istruzioni, verificando il contenuto dei conferimenti correggendo errori, respingendo gli utenti non autorizzati, raccogliendo suggerimenti, problemi o criticità segnalati dai cittadini.