Home Politica Intervista all’assessore Camilla Ludovisi: “La mia porta sarà sempre aperta”

Intervista all’assessore Camilla Ludovisi: “La mia porta sarà sempre aperta”

2111
L'assessore Camilla Ludovisi in consiglio comunale

La partecipazione all’evento Italia in Canoa è stata l’occasione per fare due chiacchiere con l’assessore della giunta di Nettuno guidata da Alessandro Coppola, Camilla Ludovisi, volto giovane e nuovo della politica. Una ragazza preparata ed evidentemente intenzionato a fare bene nel nuovo ruolo istituzionale.
La Ludovisi, espressione del gruppo politico della Lega che fa riferimento ai consiglieri Biccari e Armocida, ha ottenuto una delega di peso: alla Pubblica Istruzione, Attività Produttive, Digitalizzazione, Edilizia Scolastica e alle Politiche Culturali. E nella sua prima settimana in carica non è stata con le mani in mano.

“Non appena ho ricevuto la delega – ci spiega il neo assessore – ho fatto un giro negli uffici e ho voluto conoscere il Dirigente del mio settore di riferimento, Margherita Camarda e i dipendenti. Sono anche andata al Forte Sangallo, per capire quale fosse lo stato dei fatti. Ho trovato del personale preparato e disponibilissimo. Mi hanno fatto una visita guidata e ho ascoltato da loro punti di forza e problemi della situazione. Ho appreso che ci sono contratti in scadenza ma è chiaro che il servizio di accoglienza al Forte non può essere interrotto durante la stagione estiva, ed ora interesseremo l’ufficio per trovare subito delle soluzioni. Mi ha fatto piacere apprendere – ha aggiunto l’assessore – che nonostante gli stipendi non siano notevoli, e anzi si tratti più che altro di rimborsi spese, chi lavora al Forte lo fa con passione e che ci sono tante idee e progetti per aumentare servizi ai turisti. Mi hanno prospettato un progetto a costo zero per la realizzazione di una stazione di scambio con delle bici di seconda mano, da mettere a disposizione per visitare i punti di interesse cittadini che, a costo zero, potrebbe essere una vera attrattiva. Chi ha una vecchia bici o non ha posto per tenerla in casa potrebbe portarla qui e metterla a disposizione della collettività, utilizzandola in prima persona quando ne ha bisogno”.

Il settore cultura permette ampi discorsi soprattutto in base al budget, ancora tutto da verificare – chiediamo – invece per le scuole comunali, edilizia compresa come sta procedendo?

“Ho chiesto alla Dirigente di riunire i Direttori delle scuole di competenza comunale – risponde l’assessore – vorrei incontrarli tutti entro la metà di luglio. Ho già visto alcune delle segnalazioni che ci hanno fatto, ma intendo parlare con loro per capire quali cose sono essenziali e da realizzare subito, prima della riapertura. Il mio obiettivo è che al primo giorno di scuola in nessun plesso ci siano problemi e per questo è importantissimo iniziare a lavorare da subito”. Non solo, l’assessore Ludovisi ha le idee ben chiare anche per quello che riguarda il servizio mensa di cui molti si lamentano. “Prendo fin da ora come priorità l’impegno di andare a mangiare alla mensa scolastica dei bambini e valutare la qualità del cibo servito. Farò diversi sopralluoghi perché ho sentito molte lamentele non solo sulla qualità del cibo ma anche sui pasti che non sembrano variare quanto dovrebbero. Anche sui trasporti pubblici mi sono messa al lavoro – aggiunge –
al momento c’è un contenzioso sul bando tra la prima e la seconda classificata, non appena si deciderà faremo una ricognizione per capire come sono dislocate le fermate e i punti di aggregazione dei bambini. Un servizio di questo genere deve essere tarato a misura delle esigenze della famiglia che lo richiede”.

Un altro settore di sua competenza – chiediamo – sono le Attività produttive, che intende fare?

“Le Attività produttive, il commercio, sono il cuore economico della città – risponde –  intendo incontrare i commercianti tutti, non solo i Presidenti delle Associazione ma anche i singoli per ascoltare idee e progetti ma anche criticità. Spesso capita che anche da una singola persona possa arrivare la giunta idea per fare qualcosa di buono. Mi piacerebbe anche valutare orari estivi e aperture serali e fare una ricognizione dei mercatini per capire come sfruttarli al meglio per valorizzare il commercio e non per creare concorrenza con i negozi”.
Infine due parole sulla digitalizzazione. “Sto lavorando per verificare se ci sono fondi per dei progetti – spiega – che permettano di coinvolgere personale a costo zero in questo processo di modernità necessario”.  Infine l’assessore Ludovisi, ci tiene a lanciare un messaggio a tutti coloro che hanno interessi nel suo settore.
“Il mio assessorato – spiega – è aperto a tutti chiunque voglia parlare con me dei problemi che riguardano scuola, cultura e commercio. C’è la massima disponibilità al dialogo e a studiare insieme delle soluzioni ad ogni problema che mi verrà posto”.