Home Politica Rendicontazione dei contributi, il Comune di Nettuno cambia le regole

Rendicontazione dei contributi, il Comune di Nettuno cambia le regole

706

Il Comune di Nettuno ha cambiato le regole di rendicontazione dei contributi economici alle Associazioni, inserendo dei criteri più stringenti. Il regolamento è nato dalla necessità di evitare, per il futuro, alcune polemiche sorte durante gli ultimi eventi. Alcune delle rendicontazioni presentate hanno fatto alzare più di qualche sopracciglia anche negli uffici. Il Commissario straordinario Bruno Strati – si legge nella delibera – considerato che la definizione dei criteri e delle modalità cui l’Amministrazione deve attenersi per la concessione dei contributi economici rappresenta un indispensabile strumento volto a garantire i principi di trasparenza, pubblicità e imparzialità nella concessione dei benefici economici, attesa la necessità di approvare le linee guida per la richiesta di rendicontazione dei contributi per rendere più efficiente ed efficace il controllo della stessa con procedure specifiche ed uniformi, delibera di approvare le nuove linee guida…”. Cosa prevedono le nuove linee guida?

Sarà necessario presentare: Una relazione illustrativa dell’attività oggetto della domanda corredata, a seconda dei casi, di dettagliato preventivo o consuntivo di spesa, di entrata ed indicazione del contributo richiesto; la descrizione analitica del progetto e modalita’ di realizzazione e organizzazione relazione illustrativa delle eventuali attività svolte nell’anno precedente, corredata del prospetto delle uscite e delle entrate nel quale siano evidenziati gli eventuali contributi da chiunque concessi; atto costitutivo e statuto dell’ente o associazione se già non in possesso dell’Ente; dichiarazione relativa ai vantaggi di natura economica di qualsiasi genere eventualmente richiesti ad altri enti, pubblici o privati, o da questi concessi in riferimento alla medesima attività, dichiarazione, nelle forme previste dalla legge sotto la personale responsabilità del richiedente, relativa alla veridicità di quanto esposto nella domanda. Nel caso di forme di partenariato la richiesta di contributo viene presentata dal capofila, anche per conto degli altri partners includendo nella rendicontazione anche le spese sostenute dagli altri soggetti l’istruttoria delle domande verrà effettuata dal competente ufficio tenendo conto dei seguenti requisiti: Qualità e rilevanza dell’iniziativa per la valorizzazione e la conoscenza della cultura, arti, ambiente, costumi e tradizioni del territorio; Originalità e potenzialità innovativa ai fini della promozione civile e culturale delle Comunità; Iniziative di informazione e comunicazione che evidenziano il ruolo di promozione dell’attività svolta sul territorio dall’Associazione o privato richiedente; Previsione di affluenza di pubblico e della sua provenienza (provinciale, regionale, nazionale, internazionale); Partecipazione di altri enti pubblici e/o privati; Congruità delle spese e delle entrate previste.Le domande che non avranno tali requisiti e quelle per le quali non verrà presentata integralmente la documentazione richiesta saranno escluse dall’istruttoria.
Tutti i possibili dettagli sono specificati nel documento pubblicato sul sito del Comune.
La concessione di contributo non potrà superare il 50% delle spese ritenute ammissibili. Il contributo può essere concesso anche in deroga solo nel caso venga espressamente indicato nella delibera di Giunta Comunale. Il beneficiario del contributo è tenuto a presentare la rendicontazione entro 60 giorni dalla conclusione dell’iniziativa.

L’importo del contributo concesso verrà proporzionalmente ridotto se: le spese effettivamente sostenute saranno inferiori al contributo concesso non saranno concordate le forme di comunicazione con i competenti uffici comunali e non sarà garantita adeguata valorizzazione e promozione del ruolo del Comune. Il contributo erogato è vincolato alla realizzazione dell’iniziativa per cui è stato concesso e non può essere utilizzato per altre finalità e si provvederà alla revoca del finanziamento e contestuale recupero delle somme nel caso che: l’iniziativa non venga realizzata non esista corrispondenza tra l’iniziativa realizzata ed il progetto presentato e ammesso a finanziamento.

Il contributo concesso sarà soggetto a revoca da parte del Comune di Nettuno qualora non vengano rispettate da parte del soggetto beneficiario tutte le indicazioni e gli obblighi previsti dall’atto di concessione del contributo, illustrati nel presente manuale di rendicontazione.