Home Politica Sfratto alle sedi di partito ad Anzio, Lina Giannino: “Gesto gravissimo”

Sfratto alle sedi di partito ad Anzio, Lina Giannino: “Gesto gravissimo”

418
Il consigliere Lina Giannino

“Leggiamo il comunicato istituzionale del Sindaco dove si legge la ferma volontà di chiudere tutte le sedi di partito perché ritenute non più attuali. I locali requisiti verrebbero destinate ad Associazioni che operano sul territorio. Ora questa decisione, di stampo dittatoriale, ci induce a molteplici riflessioni”. Lo scrive in una nota stampa il consigliere comunale del Pd Lina Giannino.
“Intanto – aggiunge – un attacco alla più elementare e storica forma di democrazia che si basa proprio sul dialogo, sul confronto e sulla crescita di cittadini e dunque elettori che vogliono incontrarsi e dibattere i propri pensieri e idee. Non sappiamo con quale metodo verranno scelte le associazioni e a quale titolo occuperanno edifici della collettività. Ci piacerebbe conoscere il loro operato e il loro contributo alla città. Non vorremmo,per esempio, assistere ad assegnazioni come quella avvenuta per il club dei motociclisti neroniani a via Frattini. Ci dica il Sindaco il loro ruolo sociale e perché, essendo un associazione privata debba occupare locali del comune e dunque della collettività. Oppure ci spieghi perché non creare un pool associazionistico all’interno dei locali della ex Pretura. Altra domanda cho porgiamo al primo cittadino è di farci sapere se tutti pagamenti delle sedi occupate siano in regola oppure no. Ci risultano sedi storiche di partiti di destra in arretrato con i pagamenti addirittura di anni, oppure locali affidati a commercianti solo per uso deposito di cui non siamo certi che paghino regolarmente i canoni previsti. La politica non è una azienda privata caro sindaco. La politica è confronto, è incontro, e non si può programmare su appuntamento in una stanza della sede comunale. Questo arbitrio è un fatto gravissimo che non va assecondato né perpetuato da nessuna forza politica che si ritenga una forza democratica”.