Home Cultura e Spettacolo Fumettisti in erba all’I.C. Anzio 3, il corso con il disegnatore Giuseppe...

Fumettisti in erba all’I.C. Anzio 3, il corso con il disegnatore Giuseppe Scalici

Continuano con grande successo gli incontri pomeridiani delle classi 3 C/D/E relativi al corso di fumetto con il disegnatore Giuseppe Scalici, storyboard artist

128

Continuano con grande successo gli incontri pomeridiani delle classi 3 C/D/E relativi al corso di fumetto con il disegnatore Giuseppe Scalici, storyboard artist e fondatore di UPublishing, iniziati il 21 gennaio. Questa attività, parte integrante del Pon “Patrimonio culturale, artistico, paesaggistico” a cui si dedicano fin dall’inizio di questo anno scolastico gli alunni delle 12 classi coinvolte, si inserisce dunque in un progetto ampio che vede coinvolte anche altre classi come spiegano le docenti tutor del progetto Loretta Belli, Damaride Scarinci, Isabella Simei e Teresa Castellacci .

All’interno del percorso educativo vengono, di volta in volta, sviluppati diversi moduli tra i quali, “Noi: lo specchio di Angelita” finalizzato non solo alla conoscenza del monumento di Angelita, ma teso a favorire il senso di appartenenza al proprio territorio ed il riconoscimento dei diritti dei bambini ed il modulo “Tor Caldara a tutto tondo”, elaborato dalla classe 3E che prenderà in esame la riserva naturale di Tor Caldara come patrimonio paesaggistico da preservare valorizzandone la storia, la rilevanza sociale e la biodiversità.

Gli alunni durante le attività di laboratorio saranno impegnati nella realizzazione di una storia ambientata nella Riserva Naturale Regionale che, successivamente, rappresenteranno in un albo illustrato ed in formato Power Point durante la manifestazione finale mentre, relativamente al primo modulo, il fumetto realizzato  sarà arricchito da notizie sul monumento e dalle riflessioni dei bambini e sarà tradotto in russo, punjabi, romeno e polacco al fine di valorizzare la ricchezza linguistica e culturale presente nel nostro contesto scolastico e sociale.

Catia Di Mille