Home Attualità Foibe, gli studenti del Chris Cappell College di Anzio in onda sulla...

Foibe, gli studenti del Chris Cappell College di Anzio in onda sulla Rai

834

Gli studenti del Chris Cappell College di Anzio saranno protagonisti domani, di uno speciale che andrà in onda su Rai Scuola, canale 146 del digitale terrestre, alle ore 18.30, dedicato al ricordo della tragedia delle Foibe.

A renderlo noto è la rai sul sito ufficiale di Rai Scuola e la pagina facebook ufficiale dedicata a Christian Cappelluti il giovane artista scomparso prematuramente nel 1998, a cui i genitori hanno dedicato la scuola di Anzio.
“Guidati dall’entusiasmo del Prof. Marcellino – si legge nel post della pagina Christian Cappelluti – approfondiranno lo scottante tema delle foibe e dell’esodo giuliano-dalmata. Un appuntamento da non perdere”. La puntata speciale che andrà in onda su Rai Scuola domani avrà come titolo “Il dolore e l’esilio”.

PUNTATA SPECIALE SULLE FOIBE

“Per la Giornata del Ricordo delle foibe del 10 febbraio 2019 – si legge nella presentazione della puntata – Rai Scuola manderà in onda uno Speciale di circa 30’ un racconto del lavoro svolto dalla V A del Liceo classico con indirizzo musicale Chris Cappell College di Anzio, sull’importanza del “Ricordo delle foibe”.

Il documentario racconta, attraverso il lavoro di studenti e docenti, una serie di percorsi didattici che si intrecciano: ricostruzione storica del tragico esodo Istriano e Dalmata, incontri con storici (Guido Crainz e Raoul Pupo), testimonianze di chi ha vissuto la fuga e la sopravvivenza nei campi, racconti e poesie sulla tragedia, tutto valorizzato con una ricerca musicale.

Alla fine di questo percorso, i ragazzi raccontano il loro viaggio di istruzione alle foibe vicino Trieste e l’incontro con lo storico Raoul Pupo, uno dei massimi conoscitori di questa drammatica fase storica.

Si stima che nel periodo compreso tra il 1943 e il 1945, tra uccisioni e prigionia nei campi jugoslavi, vi siano state tra le 7 e le 11mila vittime.
I giuliani, i fiumani e i dalmati italiani che emigrarono dalle terre di origine furono tra i 250 ed i 300 mila”.