Home Cronaca Planet onlus: “Nessun defibrillatore era destinato all’Università civica”

Planet onlus: “Nessun defibrillatore era destinato all’Università civica”

127
L'Università civica di Nettuno

Ci aveva fatto alzare un sopracciglio la notizia della mancata donazione di un defibrillatore all’Università civica di Nettuno da parte dell’Associazione Planet onlus di Roma a causa “dell’azzeramento dei vertici dell’Università civica”. Secondo la notizia la consegna era prevista per il 22 marzo prossimo e la donazione ‘saltata’ era legata ad un rapporto fiduciario tra la onlus romana e l’ex direttore dell’Unicivica Chiara Di Fede. Ci sembrava impossibile che una onlus potesse avere tra i criteri per le donazioni ‘l’amicizia personale’ e abbiamo voluto sincerarci dei fatti.

A fare chiarezza Luisella Di Curzio, presidente della onlus che abbiamo contattato per chiedere della presunta ‘frattura’ con l’Unicivica, che nega recisamente i fatti. “Abbiamo ricevuto dall’Università civica di Nettuno – spiega Luisella Di Curzio – la richiesta di un defibrillatore. Ne riceviamo moltissime, ogni anno, da tante scuole. Non era in programma nessuna donazione per il 22 marzo e posso dire che per tutto il 2019 sarebbe stato difficile poter dire di si all’Ente culturale di Nettuno. Tra l’altro i nostri programmi sono pubblicati sul sito. La decisione di donare un defibrillatore o di revocare la donazione non la prendo io da sola ma insieme ad un consiglio direttivo e di certo non in base a personali rapporti di amicizia. Posso dire che sono sconcertata da questa notizia. Intanto non ho personali rapporti di fiducia con i vertici e non ero neanche a conoscenza del fatto che fossero stati rimossi. Apprendo questa notizia solo ora e posso dire che mi sembra una strumentalizzazione del lavoro di tanti volontari che si spendono gratuitamente per la nostra Associazione nell’interesse di tutti”.