Home Cronaca Finto regalo di Natale, coppia di 80enni di Nettuno truffata per 3500...

Finto regalo di Natale, coppia di 80enni di Nettuno truffata per 3500 euro

E' stata una truffa in piena regola quella messa a segno oggi tra le 12 e le 13 in zona Zucchetti a Nettuno. I malviventi, almeno due, hanno preso di mira una coppia di anziani,

1550

E’ stata una truffa in piena regola quella messa a segno oggi tra le 12 e le 13 in zona Zucchetti a Nettuno. I malviventi, almeno due, hanno preso di mira una coppia di anziani, 79 anni lei e 83 lui. I truffatori hanno atteso che la figlia della coppia uscisse di casa per entrare in azione. In un’ora hanno tempestato la coppia con oltre 13 chiamate. Un ragazzo che si è finto il nipote ha chiesto ai due anziani di pagare 3500 euro ad un corriere che doveva recapitare un regalo per il padre e la madre (tra l’altro separati). I due anziani, convinti di parlare con il nipote (che tra l’altro non è residente a Nettuno) sono rimasti sorpresi della richiesta, hanno cercato di contattare la figlia, benché il finto nipote avesse espressamente chiesto di non farlo ma non ci sono riusciti. I due anziani hanno fatto resistenza alla richiesta del ragazzo, la cifra gli è sembrata esorbitante, ma il finto nipote li ha tempestati di chiamate fino a convincerli ad uscire e a recuperare la somma che non avevano in casa. Solo dopo aver consegnato i soldi e aver ricevuto due pacchi risultati vuoti, si sono riusciti finalmente a mettere in contatto con la figlia e con il nipote ed hanno capito di essere stati raggirati. A ritirare i soldi un ragazzo giovanissimo,  che si è presentato n motorino, di cui è stata fornita descrizione alla Polizia. La figlia della donna ha denunciato il fatto al Commissariato di Anzio ed ha portato il server presente in casa dei genitori, che registra anche le chiamate anonime, alla Polizia postale per le verifiche del caso. “Quello che vogliamo – ha detto la donna che ci ha raccontato il fatto – è mettere in guardia altri cittadini affinché non debbano vivere questa brutta esperienza, e che questi truffatori vengano individuati e fermati”.