Home Cronaca Pino Ranucci fa il Bilancio dei Lavori pubblici ad Anzio: “Siamo fortissimi”

Pino Ranucci fa il Bilancio dei Lavori pubblici ad Anzio: “Siamo fortissimi”

E' stato chiarissimo l'assessore ai Lavori pubblici del Comune di Anzio Pino Ranucci  questa mattina in conferenza stampa, nel fare il Bilancio dia quanto è stato fatto in soli 5

810
L'assessore Pino Ranucci in conferenza stampa
Pino Ranucci

E’ stato chiarissimo l’assessore ai Lavori pubblici del Comune di Anzio Pino Ranucci  questa mattina in conferenza stampa, nel fare il Bilancio dia quanto è stato fatto in soli 5 mesi e mezzo di amministrazione De Angelis e nell’annunciare i lavori che partiranno a giorni e nel primo mese del 2019. “L’Amministrazione De Angelis – ha detto – è fortissima. Abbiamo fatto in poco meno di sei mesi il lavoro di un anno e mezzo e nei prossimi tre mesi faremo così tanto che il nostro lavoro sarà ricordato per anni. Mi dispiace per chi gufa e anche per quelli che fanno polemiche sui social o altrove, noi stiamo lavorando benissimo e le critiche se le possono tenere, Voglio ringraziare l’ufficio tecnico, che sta lavorando giorno e notte per la città e i cittadini e per ottenere questi risultati”. E allora vediamoli questi lavori. L’appalto più vistoso, finanziato dalla Regione grazie all’impegno dell’Amministrazione che è andata a battere cassa negli uffici, è l’appalto da 1,9 milioni di euro che prevede il completamento dell’illuminazione e dei marciapiedi dall’altezza dell’Hotel Garda fino a via Fanciulla d’Anzio. Nel progetto è compreso il rifacimento completo dell’area di sosta del Rivazzurra, compreso il tratto di costa crollato e transennato per via della falesia sempre più fragile. Un lavoro destinato a dare un volto nuovo alla zona riqualificandola in maniera evidente. Il bando verrà assegnato subito dopo le Feste di Natale.

La falesia è una questione prioritaria per l’Amministrazione neroniana che sta intervenendo in questi giorni anche su Via dei Lillà. I cittadini hanno segnalato la situazione di pericolo e l’Amministrazione non è rimasta a guardare. I tecnici del Comune sono andati più volte in Regione con cui si stanno studiando diversi interventi dalla zona del Marinaro e fino a Tor Caldara. Interventi importanti sono in programma sui Ponti, sugli scarichi delle acque bianche e, soprattutto, sulle strade. “Partiranno in questi giorni i lavori di bonifica, la pulizia dei fossi e il ripristino dei tubi su via della Campana – spiega Ranucci – che ci sono stati segnalati anche dai carabinieri per gli allagamenti. Nei primi giorni del 2019, tra circa venti giorni, partiranno i lavori sul ponte della Palmolive, i lavori delle acque bianche su via Macchiavelli, sullo stradone sant’Anastasio, via Odino e via Maya. Spenderemo 81mila euro invece, sulla Riviera Mallozzi, per la sostituzione di tutti i pali della pubblica illuminazione. A breve – aggiunge Ranucci – verrà ripristinato l’impianto di aria condizionata al commissariato di Polizia, al piano terra e verranno spesi 42mila euro per la manutenzione delle case popolari. Sul litorale non interverremo solo sulla falesia. Grazie a dei fondi europei gestiti dalla Regione – sottolinea l’assessore – interverremo anche sulle dighe. La prossima settimana inizieremo i lavori al quartiere Europa (su via Olanda, via Belgio e via Inghilterra) che è un quartiere con molti anziani che dobbiamo mettere in condizione di camminare. Sulla Sacida stiamo lavorando, rifaremo tutta via Casal di Claudia, che è la strada che le ambulanze fanno per raggiungere l’ospedale. Interverremo su viale Marconi, via Lombardia e sulla raccolta delle acque meteoriche. Stiamo lavorando in tutte le zone, partendo dalle periferie. A brevissimo ci saranno lavori a Santa Teresa, e con i ribassi che abbiamo ottenuto faremo altri chilometri e chilometri di strade fino a coprire ogni buca. Una cosa che è molto importante, la voglio dire. Abbiamo chiesto di partenza un abbassamento dei prezzi a chi si presenta a gara, del 30% circa sui listini. E su questo nuovo prezzo abbiamo assegnato le gare sui ribassi. Il che vuol dire che risparmiando centinaia di migliaia di euro, siamo riusciti a strappare lavori impensabili.  Col ribasso di via Casal di di Claudia rifaremo via colle capitolino e viale Nerone. Col ribasso di via Adriatico e via Ardeatina (400+400mila euro) si farà via Roma e via Rea Silvia. Il merito di questi risultati è dei ragazzi dell’ufficio tecnico che stanno lavorando giorno e notte. Ieri alla Sacida, visti alcuni pali n bilico, li hanno sistemati tutti.  In zona Santa Teresa è già stata appaltata via dei Volsci e via del Teatro romano, col ribasso faremo via Rosella e via Marcello. Stiamo cercando di collaborare con tutti. Ringrazio Acqualatina, per la disponibilità ad agire dove sono stati fatti i lavori e ad allungare il percorso, ma anche 2i Rete gas. Li ringrazio a nome del Sindaco per l’impegno che ci stanno mettendo nel venire incontro alle nostre richieste e annuncio che proprio in questi giorni ci siamo confrontati con l’Astral per discutere anche di Nettunense”. Interventi son previsti ancora su via Centocelle, via Ardeatina, via Azalee, via Venezia, via Tamerici, su una traversa di via San Vito e via Teano. Si lavora sullo scarico delle acque bianche ad Anzio Colonia, dal cimitero a via Calcare e fino alla stazione. “Faremo uno sforzo economico – ha detto Ranucci – per portare lo scarico a mare ed evitare allagamenti. Voglio ringraziare tutti sono fiero di aver lavorato con Marco Magliozzi, sulle buche sta facendo un lavoro strepitoso. Voglio rivolgermi a chi scrive su Fb, bisogna essere più delicati e i cittadini devono starci vicino in 5 mesi e mezzo abbiamo anticipato i lavori di un anno e mezzo stiamo lavorando bene con l’area Metropolitana e la Regione. Dico basta agli attacchi gratuiti. Io ho controllato personalmente tutti i lavori. In questo ufficio accettiamo solo critiche costruttive. Abbiamo ripreso per i capelli due bandi regionali che porteranno 800 mila euro ad Anzio”. Però – chiediamo invitati dallo stesso Ranucci tra il polemico e l’ironico – vi siete aumentati gli stipendi.
“Io su questa cosa vorrei fare chiarezza – spiega – io personalmente ma non solo io, con lo stipendio da assessore, con tutto l’aumento, ci rimetto ogni mese una cifra importante. Il nostro stipendio è passato da 1100 euro a 1300 e io ci perdo tredicesima, quattordicesima e anche la liquidazione perché sono in aspettativa. Lavoro 12 ore al giorno e di certo non sto rubando nulla. Nessuno mi ha ordinato di fare l’assessore, ma lo sto facendo con impegno e con risultati economici evidenti per l’Ente a cui ho fatto risparmiare centinaia di migliaia di euro. Non voglio premi o meriti però esigo educazione rispetto per noi amministratori e per le nostre famiglie”.