Home Cronaca La storia di Barbara, truffata a Nettuno rimasta senza la casa né...

La storia di Barbara, truffata a Nettuno rimasta senza la casa né i soldi

E' un'amica della signora Barbara (il nome, ovviamente è di fantasia per tutelare la donna che ha in corso due cause legali, una per truffa, l'altra per minacce e aggressione)

3789

E’ un’amica della signora Barbara (il nome, ovviamente è di fantasia per tutelare la donna che ha in corso due cause legali, una per truffa, l’altra per minacce e aggressione) a chiamarci e a segnalarci con insistenza l’incredibile storia di questa donna che, quando finalmente riesce a raccontarci di persona quello che le è accaduto, ci lascia a bocca aperta.

Barbara ha 62 anni, aveva una casa a Roma e viveva con suo padre e diversi gatti. Ad un certo punto, tramite un’agenzia Immobiliare di Nettuno vendono la casa nella Capitale per comprarne una proprio a Nettuno, ma qualcosa va storto. I soldi della vendita non le vengono versati, nell’attesa dell’acquisto di una nuova casa che lei non arriva mai a vedere (nel frattempo il padre muore). L’Agenzia (che è stata denunciata per truffa e appropriazione indebita) le fa la ‘cortesia’ di trovarle una casa in affitto per 12 mesi, che paga con i suoi soldi ad un prezzo esorbitante. I 12 mesi sono scaduti lo scorso 20 settembre e il proprietario della casa in affitto, molto vicino ai titolari dell’Agenzia che la donna ha denunciato, prima le ha chiesto con insistenza di rinnovare l’affitto per 12 mesi, poi quando lei gli ha fatto capire di non avere i soldi per pagare tutto subito, le ha annunciato che l’avrebbe buttata fuori di casa a lei e ai suoi 20 gatti. Quindi l’ha aggredita, spintonata, minacciata, senza tuttavia avviare le procedure per lo sfratto. In un’occasione è anche entrato nell’abitazione della donna mentre lei non c’era ed ha rovesciato le ciotole dei gatti creando il caos ovunque. Non solo. Dalla fine di settembre uomo ha staccato luce, acqua e gas e la signora Barbara la mattina deve fare provviste di acqua alle fontanelle, e di candele per avere un po’ di luce dopo il tramonto, dorme al freddo e non può cucinare nulla. Ovviamente questa situazione la sta facendo impazzire. “Mi sarei ammazzata – ci ha detto depressa e stanca – se non fosse stato per i miei gatti. Sono animali dolcissimi, vivo per loro. Mi hanno rubato tutto. Io vorrei andare via ma non ho i soldi. Mi hanno tolto quelli della casa venduta e ho una pensione che non mi permette di affittare un altro immobile. Il proprietario di questa casa mi ha minacciato e aggredito più volte. Ho denunciato tutto ai carabinieri, in più di un’occasione ma pare che possano fare molto poco. Mi è anche entrato in casa. Ora ha detto che se entro due giorni non vado via mi butta fuori a calci. Quello che chiedo è che qualcuno mi aiuti con i gatti, gli dia uno stallo. Io appena mi sistemo torno a prenderli. Posso farmi ospitare da un’amica mentre spero che la situazione di risolva, che mi restituiscano quello che mi hanno rubato. Due giorni fa sono andata in ospedale, ho dei problemi cardiaci e quando il padrone di casa mi ha aggredito mi sono sentita male. Sono in una situazione disperata – spiega – e nessuno sembra in grado di aiutarmi”. Ci sono quindi due giorni di tempo, Barbara non sa cosa fare e dove andare. Non sa chi possa occuparsi dei suoi gatti.
“Ho chiesto al giornale di raccontare la storia di Barbara – ci spiega la sua amica – perché lei è sola e disperata nell’indifferenza più totale di tutti coloro a cui ci siamo rivolti. E quello che temo è che possa compiersi un abuso o peggio ancora qualcosa di molto più grave”.