Home Politica Convegno Towards work a Villa Sarsina, per i lavoro ai ragazzi down

Convegno Towards work a Villa Sarsina, per i lavoro ai ragazzi down

Una serata di incontri e confronti quella organizzata alle 18 di oggi a Villa Sarsina dall'Associazione Italiana persone Down (Aipd). In tantissimi hanno preso parte

105

Una serata di incontri e confronti quella organizzata alle 18 di oggi a Villa Sarsina dall’Associazione Italiana persone Down (Aipd). In tantissimi hanno preso parte al convegno sul tema Towards work, verso il lavoro riservato proprio ai ragazzi down. Ad accogliere i relatori, l’associazione e tante famiglie il Sindaco di Anzio Candido De Angelis, in sala anche l’assessore Pino Ranucci, ma anche gli assessori Alberto Alessandroni ed Eugenio Ruggiero, il consigliere Velia Fontana, tutti vicino alla causa dell’Associazione, e il Dirigete scolastico Maria Teresa D’Orso che dimostra anche la vicinanza del mondo scolastico nell’affrontare queste situazioni. A prendere per primo la parola, per illustrare il passaggio da ‘assistiti a contribuenti’ dei ragazzi down Fabrizio Sabellico, Responsabile Aipd Anzio e Nettuno. Presenti anche Samantha Meini Presidente Aipd di Latina e dei lavoratori dipendenti con la sindrome di down. L’obiettivo era quello di illustrare il progetto “Lavoratori con sindrome di Down: da assistiti a contribuenti” è finanziato dal Dipartimento per le Pari Opportunità. Creare lavoro attraverso la formazione di operatori specializzati negli inserimenti lavorativi, aumentare la consapevolezza delle persone con sindrome di Down sulle proprie potenzialità di futuri lavoratori e sensibilizzare le aziende presenti sul territorio. È questo il senso del nuovo progetto della durata di 12 mesi, che coinvolge 9 operatori, 18 persone con sindrome di Down e loro famiglie di 9 sezioni AIPD di 6 regioni italiane. E il Comune di Anzio sembra intenzionato a non restare indietro. “Cercheremo in tutti i modi – ha detto il Sindaco De Angelis – anche partecipando a bandi nazionali e regionali, di verificare se c’è la possibilità di inserirci in questo progetto e dare una mano all’Associazione che merita tutta la nostra attenzione”.