Home Cultura e Spettacolo La figura di Nerone su Rai Storia, il revisionismo parte da Anzio

La figura di Nerone su Rai Storia, il revisionismo parte da Anzio

Nel 2010, dopo circa due millenni d’oscurità, è stata eretta ad Anzio, la sua città natale, la statua commemorativa

1080
La statua di Nerone ad Anzio

Nel 2010, dopo circa due millenni d’oscurità, è stata eretta ad Anzio, la sua città natale, la statua commemorativa di Nerone Cesare Augusto Germanico. L’ultimo imperatore della dinastia Giulio Claudia che ha governato l’impero romano dal 54 al 68 d.c. Una targa ne celebra la politica pacifista e riformista. Sulla discussa figura dell’imperatore Nerone si concentra la puntata di ‘Passato e Presente’, in onda sabato 13 ottobre alle 20.30 su Rai Storia. Ospite di Paolo Mieli il professor Alessandro Barbero.
L’immagine di Nerone data dagli storici Tacito, Svetonio e Dione Cassio è quella di un tiranno vanesio e sanguinario che non esita a uccidere madre e moglie o a dare alle fiamme la città di Roma.  Alcuni autori cristiani, come Commodiano e Sulpicio Severo, lo descrivono come l’anticristo, perché è stato il primo persecutore dei seguaci di Gesù. Sono stati gli studiosi moderni, tra i quali l’italiano Mario Attilio Levi e gli storici anglosassoni e romeni, ad attuare invece una revisione critica della figura e dell’opera di Nerone, cercando di ricostruire una verità più equilibrata.