Home Politica Discarica in strada a Nettuno, Mancini: “Dove sono le fototrappole?”

Discarica in strada a Nettuno, Mancini: “Dove sono le fototrappole?”

L'ex vicesindaco del Movimento 5 stelle di Nettuno Daniele Mancini inaugura sulla sua pagina Fb una rubrica informativa

384

L’ex vicesindaco del Movimento 5 stelle di Nettuno Daniele Mancini inaugura sulla sua pagina Fb una rubrica informativa legata all’attività portata avanti negli ultimi due anni di Amministrazione comunale, in vista della prossima campagna elettorale a cui prenderà parte insieme alla squadra degli ex assessori, e lo fa pubblicando un video di denuncia in questo caso legato alla presenza di un enorme discarica in via dell’Alberone. “La via è stata rifatta – spiega Mancini nel video on line – ma c’è una discarica a cielo aperto”. Mancini sulla vicenda punta il dito contro l’ufficio Ambiente, che ha in suo possesso videocamere e fototrappole ma non le mette in funzione.

“Nel 2017 rispetto al piano economico TARI – spiega Mancini – abbiamo risparmiato 415.000 €, 150.000 € vennero destinati alla video sorveglianza per la tutela ambientale. Le bonifiche delle discariche abusive a cielo aperto costano centinaia di migliaia di euro se non milioni ai nettunesi. È ora di attuare quanto avevamo previsto a tutela dell’ambiente e delle tasche dei cittadini. Abbiamo acquistato numerose foto trappole per prevenire e reprimere reati ambientali e danni economici per le continue bonifiche che incidono negativamente sia sulle casse pubbliche sia sulle percentuali di differenziata. Le foto trappole giacciono da più di un anno negli armadi dell’ufficio Ambiente e aspettiamo ad oggi installazione e funzionamento come per le telecamere di video sorveglianza per le quali abbiamo stanziato fondi e pubblicato bando. Le bonifiche sono più ‘comode’ ma costano ai cittadini, danneggiano l’immagine della città e abbassano il suo livello di civiltà e decoro. Si faccia presto. Non vanificate il grande lavoro svolto dagli assessorati nei 18 mesi di amministrazione.
Mettete in funzione foto trappole e telecamere. Le bonifiche ambientali costano milioni di euro direttamente ai nettunesi. Ognuno faccia il suo dovere”.