Home Politica Assemblea Bcc Nettuno, i soci votano Sì alla Revoca del Presidente e...

Assemblea Bcc Nettuno, i soci votano Sì alla Revoca del Presidente e del Cda

Interventi fiume all'Assemblea della Bcc di Nettuno, in cui si sta consumando una sorta di rivoluzione

570
Il Presidente della Bcc di Nettuno Corrado Cicco

Interventi fiume all’Assemblea della Bcc di Nettuno, in cui si sta consumando una sorta di rivoluzione che dovrebbe portare alla revoca dell’attuale consiglio d’Amministrazione e alla nomina di una nuova squadra con a capo un nuovo Presidente.

Davanti a 440 soci si è consumato lo scontro con un Cda dimissionario in gran parte candidato nel nuovo consiglio. Molti hanno sottolineato il fatto che Luciano Eufemi, candidato con una lista unica, ripropone ben dieci dei consiglieri e ne esclude solo due, di cui uno eletto di recente: Sabrina Caltabiano. In questo quadro i soci hanno chiesto di capire il perché delle dimissioni di sette consiglieri, che prima hanno ratificato le dimissioni di Eufemi ed oggi sono confermati nella sua squadra.

Maria Antonietta Caponi: Ho firmato alla Verdiana per una situazione che oggi è tutta diversa, dagli interventi che ho ascoltato la situazione non è chiara, è complessa, ho cercato di parlare con qualcuno, notizie frammentarie e disconnesse. Chiedo tempo, sospendere e rimandare questa situazione. Io ho una delega ma non mi sento di votare per altri in questa situazione.

Quindi si è andati al voto sulla revoca dell’intero consiglio. Hanno votato 470 persone di cui 170 deleghe. Al momento del voto c’è chi ha urlato: “Votate contro è una truffa”. Urla e liti durante le procedure di voto testimonianza di una situazione di tensione. Infine a maggioranza è passata la revoca dell’attuale Cda, presidente compreso, con Corrado Cicco che subito lascia l posto di Presidente. A breve il voto che dovrebbe riportare Luciano Eufemi in sella alla Banca. E’ chiaro che a prendere la parola sono stati soprattutto gli oppositori rispetto alla riconferma di Eufemi, che sembra invece godere di una larga maggioranza.