Home Cultura e Spettacolo Alla scoperta della nostra storia con il volume “Nettuno Otto-Novecento”

Alla scoperta della nostra storia con il volume “Nettuno Otto-Novecento”

Si terrà giovedì alle 18,30 presso Le Sirene Hamburgeria&Birroteca la presentazione al pubblico da parte dell'Associazione Culturale "Nettuno Olim Antium" della ristampa del libro “Nettuno, otto-novecento”, ad opera di Augusto Rondoni.

254

Si terrà giovedì alle 18,30 presso Le Sirene Hamburgeria&Birroteca la presentazione al pubblico da parte dell’Associazione Culturale “Nettuno Olim Antium” della ristampa del libro “Nettuno, otto-novecento”, ad opera di Augusto Rondoni. Nel 1985 Rondoni salvò la memoria storica di Nettuno attraverso una serie di interviste con i vecchi nettunesi ottuagenari. Riuscì a salvare quella che si può chiamare l’anima di un popolo, quella “musica” che si può ascoltare passeggiando per le vie delle antiche città e gli antichi paesi della nostra amata Italia. Una “musica” che varia, come muta il paesaggio, di paese in paese, di città in città, perché ogni comunità, che sia piccola o grande, porta nel suo cuore una eredità, una tradizione, una “musica” per l’appunto, che tramanda nel corso dei secoli alle generazioni future. E’ così che nacque il volume “Nettuno, Otto-Novecento”.

A tanti anni di distanza, per onorare l’autore e dare ai cittadini nettunesi la possibilità di conoscere la propria storia, l’Associazione “Nettuno olim Antium” ha deciso di ristampare l’opera, arricchendola di foto inedite. “Alla presentazione – spiegano dall’associazione – sono stati invitati oltre alla popolazione nettunese, anche i rappresentanti di istituzioni, partiti politici e associazioni culturali, allo scopo di mettere in evidenza la situazione critica in cui versa la città, da troppi anni abbandonata alla “non-cultura”. Evidenzieremo le grandi potenzialità non valorizzate e chiederemo alla politica di impegnarsi da subito per invertire questa drammatica tendenza. Nettuno ha radici antichissime e merita rispetto! Vi aspettiamo Giovedì 24 maggio riservandovi tante bellissime sorprese, per ricordare un grande personaggio e una Nettuno che fu”.