Home Cultura e Spettacolo Spaghetti con la tellina, Fiumicino pensa ad una Marchio comunale

Spaghetti con la tellina, Fiumicino pensa ad una Marchio comunale

E' pronta ad essere incisa su carte ufficiali la ricetta doc degli spaghetti con la tellina, il mollusco tipico della costa laziale e toscana che piace davvero a tutti ed è protagonista di infinite Sagre (una anche nel comune di Anzio).

188

E’ pronta ad essere incisa su carte ufficiali la ricetta doc degli spaghetti con la tellina, il mollusco tipico della costa laziale e toscana che piace davvero a tutti ed è protagonista di infinite Sagre (una anche nel comune di Anzio). Un piatto squisito, a cui il Comune di Fiumicino sta cercando di assegnare regole di qualità. L’annuncio ufficiale sarà dato probabilmente, nella prossima Sagra della tellina programmata come ogni anno dal 25 al 27 maggio a Passoscuro.

L’idea è quella di fissarla con una De.co, il marchio di denominazione comunale che punta a tutelare la vera ricetta del piatto tipico locale sulla scia di quanto fatto per la ricetta dell’amatriciana l’anno scorso dal sindaco di Amatrice Sergio Pirozzi, dopo una polemica con lo chef stellato e televisivo Carlo Cracco.

l marchio garantisce l’origine dei prodotti tipici di un territorio. In questo caso è la tellina il mollusco bivalve tipico del litorale romano, come si legge nei documenti della Fondazione Slow Food per la Biodiveristà Onlus “si trova comunemente sulle coste italiane ovunque ci siano fondali sabbiosi ma, nella zona che va da Passoscuro a Capo d’Anzio, parte della quale è compresa nella Riserva Naturale del Litorale Romano, la pesca è sempre stata abbondante e rinomata fin dai tempi dei romani, grazie alla qualità e alla finezza della sabbia. Lo confermano anche documenti del ‘500 dove si parla di cessione dei terreni destinati a tale attività”. Anche Anzio, citata nel documento, potrebbe dire la sua sulla ricetta ‘doc’ neroniana, da sempre apprezzatissima.