Home Politica L’ex opposizione che ha sfiduciato Casto: “Fallimento politico, assurdo il ricorso”

L’ex opposizione che ha sfiduciato Casto: “Fallimento politico, assurdo il ricorso”

"Non lasciamo che la tragedia si trasformi in farsa: i cittadini di Nettuno meritano rispetto". Lo scrivono in una nota stampa Lorenza Alessandrini, Maria Antonietta Caponi, Genesio D’Angeli, Claudio Dell’Uomo, Carlo Eufemi, 

493
L'ex opposizione consiliare a Nettuno

“Non lasciamo che la tragedia si trasformi in farsa: i cittadini di Nettuno meritano rispetto”. Lo scrivono in una nota stampa Lorenza Alessandrini, Maria Antonietta Caponi, Genesio D’Angeli, Claudio Dell’Uomo, Carlo Eufemi, Giacomo Menghini Fabrizio Tomei, Rodolfo Turano ed Enrica Vaccari.
“L’ex sindaco Casto si arrampica sui vetri per nascondere il suo fallimento politico. Il tentativo di negare sul piano giudiziario la realtà incontrovertibile di una maggioranza del consiglio comunale che si è pronunciata contro la sua amministrazione è l’ennesimo esempio dell’irresponsabilità e della disonestà intellettuale di chi da mesi avrebbe dovuto prendere atto della propria incapacità di governare e consentire ai cittadini di Nettuno di scegliere, nel prossimo giugno, un nuovo sindaco.
La colpevole ostinazione di tenere artificialmente in vita un’amministrazione ormai in coma irreversibile, probabilmente per irresponsabili e meschini interessi personali e politici, come le elezioni del 4 marzo e le future elezioni comunali di Anzio, ha invece condannato i cittadini Nettuno ad un altro anno di commissariamento.
Invece di rincorrere rivincite giudiziarie, l’ex sindaco Casto e i suoi improbabili scudieri farebbero meglio a prendere atto del fatto che la maggioranza del consiglio comunale, i nove consiglieri di minoranza e i quattro consiglieri dell’ex maggioranza, hanno coraggiosamente messo fine ad una pantomima che, grazie ai litigi che imperversano su Facebook, oggi è finalmente evidente a tutti”.