Home Politica L’ex consigliere Montani: “Io sempre con Casto, lui ha scelto chi remava...

L’ex consigliere Montani: “Io sempre con Casto, lui ha scelto chi remava contro”

"Caro Monti e tutti gli altri pseudo Castiani dell’ultima ora, spiegate alla gente perché dopo il Bilancio nessuno di voi sali nella stanza del Sindaco in un clima surreale , di delusione amarezza e lacrime, dove il Sindaco chiese la tua espulsione dal M5S.

552
L'ex consigliere 5 stelle Marco Montani

“Caro Monti e tutti gli altri pseudo Castiani dell’ultima ora, spiegate alla gente perché dopo il Bilancio nessuno di voi sali nella stanza del Sindaco in un clima surreale , di delusione amarezza e lacrime, dove il Sindaco chiese la tua espulsione dal M5S.
Siete diventati 5 Stelle tutto insieme o dobbiamo dire chi tra di voi derideva il movimento quando il sottoscritto portava avanti i suoi valori? Caro Casto potevi ricordare chi ti è stato vicino e chi volevi cacciare via, chi scherzava e cercava di digerire una giornata tremenda dopo il Consiglio del Bilancio portandoti a mangiare una pizza. Dove erano coloro che oggi si chiamano 5 stelle. Magari qualche altro fatto potrebbe anche venirmi in mente… A è vero il Commissariato sa tutto”. Lo scrive l’ex consigliere comunale a 5 stelle Marco Montani, da sempre legatissimo all’ex Sindaco Angelo Casto, che ricorda la sua storia per spiegarne l’epilogo. Montani, insieme a Nigro, Petroni e Del Luca, ha sfiduciato Casto perché ‘ostaggio’ di dieci consiglieri infiltrati della vecchia politica, alcuni dei quali per 18 mesi gli hanno remato contro e che, infine, oggi lo sostengono in un paradosso che, se non si stesse raccontando la caduta di un’amministrazione, farebbe sorridere. “Pochi altri come me si sono sacrificati per la causa Casto – ha poi concluso Montani – c’è chi invece ha sempre remato contro il Sindaco e oggi vorrebbe pulirsi la coscienza. Da Opposizione ci hanno trattato 10 Consiglieri che sotto il bene placito dell’ex Sindaco si sono riuniti per mandare a casa chi stava cambiando e rigirando sotto sopra Nettuno”.