Home Politica L’opposizione diserta la commissione Bilancio a Nettuno

L’opposizione diserta la commissione Bilancio a Nettuno

Si è tenuta senza i componenti di opposizione la commissione Bilancio nel comune di Nettuno. Tutto nasce dalla revoca del componente di maggioranza Monti da parte del sindaco ritenuta illegittima. Menghini pronto a interpellare il Prefetto

356
La Commissione Bilancio al comune di Nettuno

Si è tenuta senza i componenti di opposizione la commissione Bilancio nel comune di Nettuno. Giacomo Menghini aveva già annunciato la sua diserzione legata alla revoca, ritenuta da lui illegittima, del consigliere di maggioranza Claudio Monti per mano del sindaco Angelo Casto. Assente anche Lorenza Alessandrini.

La commissione, quindi, si è svolta alla presenza dei soli componenti della maggioranza, ossia Katia Ricci (nominata al posto del destituito Monti), la presidente Daniela De Luca, Eleonora Trulli e Diego Tortis, del dirigente dell’area economico finanziaria Luigi D’Aprano e dell’assessore al Bilancio Filomena Paciello.

Primo punto in discussione la modifica del regolamento riguardante l’imposta di soggiorno, con la commissione che ha dato parere favorevole all’esenzione per le forze di Polizia e le forza armate in servizio e per un autista e un accompagnatore turistico ogni 25 persone per quel che riguarda i viaggi organizzati.

Poi si è discusso della proposta del sindaco Angelo Casto di eliminare la TARI per nuove attività artigianali o di vendita di souvenir nel Borgo Medievale per tre anni. La commissione ha preso atto della proposta ed ha formulato parere favorevole per demandare al dirigente preposto la valutazione sulla fattibilità di questa proposta.

Una commissione filata via liscia, ma che adesso attende di conoscere l’esito della sua validità. Secondo quanto sottolineato da Menghini, che ha scritto al presidente della commissione De Luca e al presidente del consiglio Nigro, la revoca di Monti non rientra nei casi previsti del regolamento delle commissioni del comune di Nettuno e per questo la commissione e gli atti da lei formulati risulterebbero nulli. Si attendono le decisioni degli organi preposti che faranno definitiva luce sulla situazione.