Home Politica Preferenze a 5 stelle ad Anzio, i tre Meetup a confronto sugli...

Preferenze a 5 stelle ad Anzio, i tre Meetup a confronto sugli eletti

Una particolare analisi del voto per nazionale e regionali è possibile sul comune di Anzio che, in vista delle prossime comunali, è un osservato speciale. La candidata supportata dai Grilli di Anzio

343

Una particolare analisi del voto per nazionale e regionali è possibile sul comune di Anzio che, in vista delle prossime comunali, è un osservato speciale. La candidata supportata dai Grilli di Anzio (il cui borsino è in decisa risalita anche a causa dell’esito delle Regionali e della vicinanza al parlamentare eletto a Pomezia ma residente ad Anzio Marco Belli) Valentina Corrado è stata la più votata della Lista del Movimento 5 stelle. La Corrado che sul territorio si è vista davvero spesso compreso durante la campagna elettorale del Sindaco Angelo Casto a Nettuno, è firmataria di una serie di interrogazioni in regione sul comune neroniano, su porto, rifiuti e non solo, sempre sollecitata dal Meetup locale. Secondo nelle preferenze il consigliere regionale Barillari, che si è visto in campagna elettorale ed è stato presente per una visita in Ospedale. Barillari è sostenuto dal consigliere uscente Cristoforo Tontini, anche lui come i Grilli di Anzio, in attesa di certificazione. A spiccare poi nelle preferenze di Anzio (da notare che rispetto ad altri partiti sono davvero pochi coloro che hanno espresso preferenze per il Movimento 5 stelle, scegliendo in massa di votare il simbolo) il candidato Cacciatori, sconosciuto sul territorio e che ha comunque superato le 100 preferenze. Il candidato è originario di Marino e potrebbe essere un riferimento del Meetup che sostiene la candidatura di Stefano Pompozzi. C’è poi chi dice che ci sia uno scarto tra i voti del Movimento per Camera e Regione rispetto ai voti per il Senato. Uno scarto maggiore di quello dovuto all’età (al Senato si vota solo se hanno almeno 25 anni) probabilmente per penalizzare la candidata Elena Fattori, su Anzio apertamente schierata con i Grilli e contro gli altri due Meetup. Ma qui siamo nel campo delle ipotesi. Sta di fatto che la Fattori non ha ricevuto molte preferenze ed è entrata grazie al meccanismo del ripescaggio. Ora si attende la certificazione, che si spera abbia tempi brevi per dare modo a chi verrà scelto di organizzare la campagna elettorale e provare un dialogo che si preannuncia davvero difficile con i due Meetup che saranno esclusi.