Home Cultura e Spettacolo Anzio 3 in Festa per la scuola Digitale, tra ‘coding’, quiz virtuali...

Anzio 3 in Festa per la scuola Digitale, tra ‘coding’, quiz virtuali e robotica

Festa del Piano Nazionale Scuola Digitale realizzata dall’Istituto Comprensivo Anzio 3. ll Piano Nazionale Scuola Digitale (PNSD) è il documento di indirizzo del Ministero dell’Istruzione, dell’Università

172

Festa del Piano Nazionale Scuola Digitale realizzata dall’Istituto Comprensivo Anzio 3. ll Piano Nazionale Scuola Digitale (PNSD) è il documento di indirizzo del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca per il lancio di una strategia complessiva di innovazione della scuola italiana e per un nuovo posizionamento del suo sistema educativo nell’era digitale.

Il PNSD è una delle azioni avviate nel processo di rinnovamento delle istituzioni scolastiche previsto dalla “Buona Scuola” (legge 107/2015), che, per citare le parole estratte dalla presentazione del piano stesso, è “una visione operativa che rispecchia la posizione del Governo rispetto alle più importanti sfide di innovazione del sistema pubblico: al centro di questa visione, vi sono l’innovazione del sistema scolastico e le opportunità dell’educazione digitale”.

Dal 18 al 20 gennaio nelle scuole di tutto il territorio nazionale, si è celebrata la Festa del Piano Nazionale per la Scuola Digitale che, lanciato il 27 ottobre 2015, ha compiuto il suo secondo anno di attuazione e si avvia a intraprendere il terzo anno di attività. L’Istituto Comprensivo Anzio 3 ha scelto di festeggiare questo evento sabato 20 gennaio, aprendo la scuola al territorio in orario extrascolastico e promuovendo percorsi laboratoriali condotti dall’animatore digitale, dal team per l’innovazione e da alcuni docenti dell’Istituto destinati a studentesse, studenti e famiglie dell’Istituto e non solo. La Festa del PNSD è stato un momento importante e altamente coinvolgente che ha promosso una riflessione attiva sul percorso di crescita dell’innovazione digitale nelle scuole, sulle buone pratiche e sulle azioni da realizzare in futuro. Alle 10 di sabato, l’Istituto Comprensivo Anzio 3 ha aperto le porte dell’edificio di via Machiavelli a decine di studenti, accompagnati dai parenti, che hanno potuto svolgere alcune delle tante attività dedicate al mondo digitale fruibili nelle aule dell’Istituto.

Tra sessioni di “coding”, quiz virtuali, robotica in campo educativo, pixel art, stop motion e molto altro, gli intervenuti hanno potuto sperimentare concretamente e virtualmente le enormi potenzialità dell’utilizzo integrato del digitale nella didattica. La giornata si è aperta con le parole della dirigente, dott.ssa D’Orso, la quale, oltre a una breve introduzione circa i contenuti del PNSD, ha presentato i componenti del team digitale, i docenti che, assieme all’ animatore digitale, la docente Daniela Bartolomei, durante l’anno lavorano per attuare le disposizioni del Piano. Dopo la presentazione di rito, i partecipanti hanno potuto girare nelle diverse aule, sperimentando le tante attività preparate per quel giorno e organizzate in forma di laboratorio. In ciascuna delle classi, un docente attendeva gli intervenuti per proporre loro una attività legata al mondo del digitale che, molto spesso, ha coinvolto sia i bambini che gli adulti, come nel caso del quiz interattivo che poteva essere giocato impiegando i telefoni cellulari dei partecipanti. Nell’aula informatica, bambini e genitori hanno potuto sperimentare il coding, costruendo algoritmi per far muovere i robot Lego WeDo.

In un’altra classe ancora, il tema era lo stop-motion, una tecnica di animazione con l’utilizzo, ancora una volta, di un telefono cellulare o di un tablet. Ma ancora: attività di pixel art, mandala digitali, uso della penna 3d, attività di coding unplugged… Le attività proposte sono state sviluppate dai docenti durante l’anno scolastico in modo da coinvolgere i bambini nel mondo del digitale in modo divertente ed educativo, e a giudicare dal grande afflusso di persone, l’obiettivo è stato raggiunto. Durante la festa, infatti, non solo i bambini si sono dimostrati incuriositi e divertiti, ma anche ii loro accompagnatori, cha hanno potuto sperimentare un altro lato della tecnologia, e spesso si sono trovati dover chiedere spiegazioni ai propri figli o nipoti che, da bravi nativi digitali, hanno dimostrato di saper dare, grazie anche al grande lavoro svolto nelle aule scolastiche dai docenti dell’ Istituto Comprensivo Anzio III.