Home Attualità La Città di Anzio contro la guerra, onora i Caduti dell’Operazione Shingle

La Città di Anzio contro la guerra, onora i Caduti dell’Operazione Shingle

126


“L’Operazione Shingle e la Battaglia di Anzio h
anno rappresentato l’estremo sacrificio di migliaia di ragazzi, venuti da lontano, sbarcati su queste coste per liberarci, per liberare Roma e poi l’Italia intera dalla dittatura nazifascista. Le Celebrazioni del 79° Anniversario dello Sbarco di Anzio sono state dedicate alle Donne protagoniste della libertà: Donne impegnate al fronte ed in famiglia, donne che hanno sofferto per la perdita dei figli, dei padri, dei mariti e dei fratelli. Partigiane, Crocerossine e Donne Medico, come Clelia Lollini, che hanno prestato il loro servizio per l’Italia libera, diventate poi protagoniste della Ricostruzione. Donne come la Regina Elisabetta II, la prima della Royal Family a prestare servizio militare attivo e come la cantante Vera Lynn, con la sua voce melodica, simbolo di speranza per i soldati inglesi, alla quale il Cittadino Onorario di Anzio, Roger Waters, ha dedicato il tributo che abbiamo appena ascoltato nella bellissima interpretazione dei nostri giovani artisti. E’ questo un elemento fondante della Città, che da poco tempo abbiamo il pregio e la responsabilità di amministrare; ossia il valore di mantenere sempre viva la memoria sulla nostra storia, senza memoria non ci può essere futuro! L’assenza di una memoria viva sulle atrocità della guerra, probabilmente, non consente all’umanità di assicurare la pace, la libertà e la democrazia, come sta avvenendo, purtroppo, in tanti angoli del Pianeta. Ecco l’importanza ed il valore di onorare giornate come quella di oggi, di rendere omaggio ai Caduti sepolti nei Cimiteri del territorio, di organizzare mostre, celebrazioni ed eventi culturali, con il diretto coinvolgimento di tanti giovani studenti, quale patrimonio condiviso, per guardare al futuro con la piena consapevolezza del nostro passato!”.

E’ parte del toccante intervento del Commissario, Francesco Tarricone, componente della Commissione Straordinaria della Città di Anzio, che ha portato i saluti dei colleghi, il Prefetto Antonella Scolamiero ed il dottor Agostino Anatriello, in occasione della Cerimonia Ufficiale per il 79° Anniversario dello Sbarco di Anzio, che si è svolta ieri mattina, in Piazza Garibaldi, davanti all’antico Porto Innocenziano, “testa di ponte” dell’Operazione Shingle.
Nel corso della partecipata Cerimonia, alla presenza delle Autorità Politiche, Militari, Civili e Religiose, dell’Ambasciatore Britannico in Italia e dei Rappresentanti delle Ambasciate degli Stati Uniti e del Canada, sono state deposte Corone ed omaggi floreali ai piedi del Monumento ai Caduti, dove sono scolpiti i nomi dei Cittadini di Anzio che hanno perso la vita durante lo Sbarco e nelle due Guerre.
Tanta emozione in Piazza Garibaldi quando i “The Basement”, giovanissimo gruppo musicale di studenti del territorio, accompagnato dalla Corale Polifonica, ha reso omaggio al poeta Roger Waters, Cittadino Onorario di Anzio in ricordo di suo Padre, l’Ufficiale Britannico Eric Fletcher Waters e di tutti i dispersi della Battaglia di Anzio, con l’emozionante interpretazione di Bring the Boys Back Home e di Vera, memorabile tributo watersiano alla cantante Vera Lynn, scomparsa nel 2020 a 103 anni, che con la sua voce portava conforto ai soldati impegnati al fronte ed ai feriti ricoverati negli ospedali militari. Tanta partecipazione dei presenti al momento dell’esecuzione dell’Inno Nazionale  e della canzone “Lo Sbarco degli Alleati ad Anzio”, con la perfetta esecuzione del coro degli alunni dell’istituto Comprensivo Anzio I, della Banda Musicale e della Corale Polifonica.
Prima dell’intervento del Commissario Francesco Tarricone, ha preso la parola l’Ambasciatore Britannico in Italia, Edward Llewellyn, che ha portato i saluti del Veterano dello Sbarco, Harry Shindler, sempre in contatto con la Città di Anzio e con le giovani generazioni, ringraziando la comunità anziate per come vive la giornata del 22 gennaio e ricordando i giovani soldati sepolti nei cimiteri, che hanno sacrificato la loro vita per la libertà e la democrazia. Loro purtroppo non sono tornati a casa, ha ribadito commosso l’Ambasciatore Britannico.
A nome della Commissione Straordinaria, all’inizio del suo intervento, il dottor Francesco Tarricone ha ringraziato tutte le Autorità Politiche, Militari, Civili e Religiose intervenute, l’Ambasciatore Britannico in Italia ed i Rappresentanti delle Ambasciate degli Stati Uniti e del Canada, rivolgendo un saluto particolare al Commissario di Nettuno, Prefetto Antonio Reppucci, al Comandante della Brigata Informazioni Tattiche, Generale Adriano Russo, al Vicesindaco di Città Metropolitana di Roma Capitale, Pierluigi Sanna, ai Sindaci ed agli Amministratori presenti, alle Associazioni Combattentistiche e d’Arma, ai Labari con i loro vessilli, alla Corale Polifonica, alla Banda Musicale, agli studenti ed a tutti i cittadini che hanno preso parte alle Celebrazioni per il 79° Anniversario dello Sbarco di Anzio.
Nel corso della  giornata le delegazioni hanno onorato i Caduti dello Sbarco con le Cerimonie Ufficiali che si sono svolte al Beachhead War Cemetery (Anzio – Falasche), al Commonwealth Cemetery (Anzio – Santa Teresa), al Cimitero Civile di Anzio e con la deposizione al Porto di Anzio, ai piedi delle targhe dedicate all’incrociatore britannico Spartan, affondato il 29 gennaio 1944, The Duke of Wellington e  King’s Shropshire light Infantry, di un omaggio floreale.