Home Politica Corrado M5s: “Lo scioglimento di Anzio e Nettuno conferma nostre preoccupazioni”

Corrado M5s: “Lo scioglimento di Anzio e Nettuno conferma nostre preoccupazioni”

56
Valentina Corrado

“Il Consiglio dei Ministri ha deliberato lo scioglimento dei Comuni di Anzio e Nettuno per accertate forme di ingerenza da parte della criminalità organizzata tali da compromettere la libera determinazione e l’imparzialità dell’amministrazione, nonché il buon andamento e il funzionamento dei servizi per i cittadini. Una decisione che non mi coglie di sorpresa e che conferma le preoccupazioni più volte rappresentate”.
Così in un post su Facebook Valentina Corrado, Assessore al Turismo, Enti Locali, Sicurezza Urbana, Polizia Locale e Semplificazione Amministrativa della Regione Lazio.
“Giá nel 2018 in qualità di Consigliera Regionale membro della Commissione Antimafia, chiedevo l’attenzione della Commissione sul territorio del basso Lazio – ha poi aggiunto –  evidenziando come alcune zone risultassero ormai teatro quotidiano di azioni criminali contrassegnate indubbiamente da metodo mafioso; così come nel 2020 intervenni per stigmatizzare atti di intimidazione nei confronti di una consigliera comunale chiedendo, nuovamente, l’intervento della Commissione Antimafia e del Prefetto. Legalità e trasparenza, princìpi sanciti nella nostra Costituzione e nel nostro ordinamento, non sono assolutamente derogabili, a maggior ragione quando si ricopre una carica istituzionale e in gioco ci sono gli interessi e il futuro delle nostre comunità. Ora sarà nominato un Commissario e tra 18 mesi i cittadini saranno chiamati alle urne per eleggere nuovi amministratori e avranno, così, la possibilità di voltare pagina rispetto ad una storia che abbiamo già visto ripetersi in passato. Auspico un risveglio di coscienze dei cittadini di queste due città, balzate diverse volte agli onori delle cronache per le infiltrazioni della malavita nella politica e nelle Istituzioni piuttosto che per il meraviglioso potenziale di patrimonio turistico, culturale e naturalistico posseduto, affinché possano con coraggio e determinazione cambiare la storia del proprio territorio attraverso elezioni libere da condizionamenti, pressioni e interessi illeciti”.