Home Politica Astorre Pd, interroga Piantedosi sullo scioglimento di Anzio e Nettuno

Astorre Pd, interroga Piantedosi sullo scioglimento di Anzio e Nettuno

360
Bruno Astorre

“L’operazione della Direzione Distrettuale Antimafia che lo scorso febbraio ha portato all’arresto di 65 persone appartenenti ad una organizzazione locale di ‘ndrangheta operativa nel territorio di Anzio e Nettuno si è conclusa, evidenziando forti legami tra esponenti della ‘ndrina con rappresentanti della politica locale. Su questo tema abbiamo presentato un’interrogazione al ministro dell’Interno per capire se non ritenga necessario e opportuno proporre lo scioglimento dei consigli comunali di Anzio e Nettuno”.
Lo scrive in una nota il senatore e segretario Pd Lazio, Bruno Astorre. L’interrogazione è stata firmata dai senatori Astorre, Mirabelli, Lorenzin, D’Elia, Rossomando, Verini, Camusso, Fina, Furlan, Giacobbe, Giorgis, Rando, Rojc, Zambito.
“È ora che Anzio abbia le risposte che merita, non è possibile continuare a tenere appesa una città senza sapere dopo 8 mesi dall’insediamento della commissione di accesso se il Comune sia stato condizionato o meno dalla vicinanza con esponenti della Ndrangheta come emerge dalle carte dell’operazione Tritone”.
A dirlo è Luigi Visalli, segretario del Pd di Anzio che plaude all’iniziativa del senatore e segretario regionale del partito, Bruno Astorre, e di altri senatori del gruppo che hanno presentato una interrogazione urgente a riguardo.
“Auspichiamo che il ministro che da prefetto ha nominato quelle commissioni risponda celermente. Sul tema della legalità e della lotta alle mafie il Partito Democratico non arretra di un millimetro e confida negli uomini delle istituzioni. Siamo certi – dicono dal Pd anziate – che anteporranno gli interessi pubblici a quelli dell’appartenenza politica”.