Home Attualità Nettuno in festa per il 2 giugno, autorità in piazza per la...

Nettuno in festa per il 2 giugno, autorità in piazza per la Repubblica

334
Si è svolta questa mattina presso il Monumento ai caduti di piazza Battisti a Nettuno la cerimonia istituzionale per celebrare il 76esimo anniversario della Proclamazione della Repubblica Italiana.
Hanno preso parte alla cerimonia il Sindaco di Nettuno Alessandro Coppola, il Vicesindaco di Anzio Danilo Fontana, il Deputato della Repubblica Italiana Stefano Fassina, il Consigliere della Città Metropolitana di Roma Capitale Vito Presicce, il Generale Maurizio Fronda, il Colonnello Dario Porfidia, il Primo dirigente del Commissariato di Polizia di Anzio e Nettuno Angela Spada, il Comandante della Compagnia della Guardia di Finanza di Nettuno il Maggiore Ambrogio Di Napoli, il Comandante della Compagnia Carabinieri di Anzio Capitano Giulio Pisani, il Commissario Gianfranco Brignone in rappresentanza di Vincenzo Avallone Dirigente Superiore e Direttore dell’Istituto per Ispettori di Polizia di Nettuno, il luogotenente Mauro D’Angelo Comandante della stazione carabinieri di Nettuno, il primo luogotenente Rolando Abbafati in rappresentanza del Tenente di Vascello Nunzia Pezzella Comandante dell’Ufficio circondariale marittimo di Anzio, il Luogotenente Giuseppe Parisi, Comandante della Sezione Operativa Navale della Guardia di Finanza di Anzio, il Capo reparto Daniele Pietrosanti in rappresentanza dei Vigili del Fuoco di Anzio, il Comandante della Polizia Locale di Nettuno Albino Rizzo, le associazioni combattentistiche e d’arma, l’Anpi, le sorelle della Croce Rossa Sezione Anzio e Nettuno accompagnante dalla Bandiera Tricolore concessa in uso dal presidente della Repubblica Sandro Pertini con legge 342/1985.
Alla cerimonia ha preso parte la Corale di Nettuno che ha intonato la canzone del Piave e l’inno all gioia. Presente lo schieramento in armi del Comando di Brigata Informazioni Tattiche. Il Sindaco ha quindi deposto una corona, ricordando il giorno in cui il popolo italiano ha deciso la propria sovranità rinunciando alla Monarchia.