Home Politica 25 aprile, il Sindaco di Nettuno: “Non scordiamo il dramma della guerra”

25 aprile, il Sindaco di Nettuno: “Non scordiamo il dramma della guerra”

182
Si è svolta in piazza Battisti a Nettuno, presso il Monumento ai Caduti, la cerimonia di celebrazione del 77esimo anniversario della Liberazione. Presenti le autorità civili e militari del territorio e la Corale Città di Nettuno che ha cantato dal vivo inno nazionale, il Piave e Va’ Pensiero. A leggere la motivazione del conferimento alla Città di Nettuno della medaglia d’oro al merito civile la consigliera comunale Lina Anguelova.  Presente lo schieramento in armi del Comando Brigata Informazioni Tattiche.

Di seguito l’intervento integrale del Sindaco Alessandro Coppola:
Voglio porgere i miei saluti ed i ringraziamenti a nome dell’amministrazione comunale che presiedo a tutte le autorità civili, militari e religiose, oltre che alle associazioni combattentistiche, presenti in occasione di questa cerimonia. Dopo due anni di celebrazioni “a distanza” a causa delle restrizioni sanitarie imposte dal Covid19, ci ritroviamo finalmente qui, tutti insieme, guardandoci negli occhi. Sono stati anni difficili, sotto il punto di vista sanitario, ma anche economico e sociale. La pandemia ci ha cambiati un po’ tutti, inutile nasconderlo, e oggi quando il Covid sembra mollare un po’ la presa ci ritroviamo a fare i conti con l’ennesima guerra che rischia di stravolgere definitivamente gli equilibri mondiali.
Per questo oggi è importante ricordare tutte quelle persone che con il loro sacrificio, 77 anni fa, seppero resistere riportando la libertà nel nostro Paese anche a costo della loro stessa vita. I cittadini di Nettuno, così come quelli nel resto dell’Italia, trovarono il coraggio di combattere per i loro ideali, per il futuro dei propri figli, per garantire alle generazioni a seguire quella spensieratezza ormai dimenticata.
E’ importante ricordare, non mi stancherò mai di ripeterlo, ciò che il passato ci ha insegnato. Oggi più che mai in considerazione di quanto sta avvenendo negli ultimi tempi in Ucraina. La storia è ciclica, e il rischio di ritrovarsi invischiati in situazioni che possano limitare la libertà personale di ognuno di noi è concreto. La guerra non è mai una soluzione. La guerra va ripudiata con tutte le nostre forze, e il 25 aprile deve essere un’occasione non solo per alimentare la memoria storica della nostra città, ma anche un momento di riflessione sulla necessità di porre fine a tutti i conflitti, in ogni angolo del mondo. Scene come quelle viste nei giorni scorsi a Bucha, hanno riportato alla mente i fantasmi della Seconda Guerra mondiale e gli orrori che ogni tipo di guerra porta con sé. Il nostro compito come amministratori comunali è quello di educare le giovani generazioni ai valori della pace, della solidarietà, della fratellanza tra i popoli. Un ruolo complicato, che però portiamo avanti con responsabilità e con la passione di chi crede che un futuro di pace possa realizzarsi solo con la collaborazione di tutte le forze in campo. Agli studenti della nostra città, che oggi godono di un giorno di riposo dagli impegni scolastici, auguro un futuro di pace e libertà, e che sappiano tramandare quei valori che i loro nonni e tutti i nostri concittadini che hanno vissuto quel periodo ci hanno trasmesso negli anni. Il testimone passa idealmente nelle loro mani, per dimostrare ancora una volta che Nettuno è viva, più forte di prima e pronta a guardare verso il futuro con l’ottimismo di chi è sopravvissuto lottando contro gli orrori del passato. Buon 25 aprile”.
Il comune di Nettunoi ringrazia per aver preso parte alla cerimonia:
• Il Generale di Brigata Maurizio Fronda, Comandante della Brigata Informazioni Tattiche;
• Il Sindaco di Anzio dott. Candido De Angelis;
• Il Colonnello Dario Porfidia direttore dell’Ufficio tecnico territoriale armamenti terrestri;
• La Dott.ssa Angela Spada 1° Dirigente del Commissariato di Polizia Anzio Nettuno;
• Il Capitano Giulio Pisani Comandante della Compagnia Carabinieri di Anzio;
• L’Ispettore Paolo Nocerino in rappresentanza del Dott. Vincenzo Avallone Dirigente Superiore e Direttore dell’Istituto per Ispettori della polizia di Stato;
• Il Luogotenente Mauro D’Angelo Comandante della stazione Carabinieri di Nettuno;
• Il Luogotenente Cariche Speciali Angelo Lisi in rappresentanza del Maggiore Ambrogio Di Napoli Comandante della Compagnia Guardia di Finanza Nettuno;
• Il Primo Luogotenente Massimo Costabile, in rappresentanza del Tenente di Vascello Nunzia Pezzella, comandante dell’ufficio circondariale marittimo di Anzio;
• Il Luogotenente Giuseppe Parisi comandante sezione operativa navale guardia di Finanza di Anzio;
• Il Vice Comandante Albino Rizzo della Polizia Locale Nettuno;
• Le associazioni combattentistiche e d’arma;
• L’ANPI;
• Le sorelle della Croce Rossa Sezione Anzio Nettuno;
• I Consiglieri comunali e agli assessori della giunta municipale;
• Don Fabrizio Pianozza Parroco della Collegiata San Giovanni Battista ed Evangelista;
• La Corale Città di Nettuno.