Home Politica Porto, Fratelli d’Italia si spacca e chiede la commissione con l’opposizione

Porto, Fratelli d’Italia si spacca e chiede la commissione con l’opposizione

235

Sono i consiglieri di opposizione Flavio Vasoli, Giuseppina Piccolo e Stefania Amaducci, insieme ai consiglieri di maggioranza Davide Gatti, Roberto Camilli e Cinzia Galasso a sottoscrivere una proposta di ordine del giorno inviata al Sindaco di Anzio Candido De Angelis e al Presidente del Consiglio comunale Roberta Cafà. Si tratta della richiesta di istituire una Commissione speciale sul Porto. Una richiesta chiaramente polemica, a sorpresa sottoscritta anche da una parte di Fratelli d’Italia.
“Considerato che – si legge nel documento – nella seduta consigliare del 15 dicembre è stata approvata la garanzia fidejussoria nei confronti della società partecipata Capo D’Anzio Spa; Che allegato alla delibera veniva presentato un “piano industriale” ridotto nei contenuti e nella documentazione necessaria all’analisi effettiva dei costi benefici; Che è fondamentale per la città intera far si che questo ennesimo supporto finanziario del Comune di Anzio si tramuti in un effettivo piano di risanamento della società; che nella seduta del 15 dicembre non si è dato un chiaro indirizzo sulle modalità della costruzione e gestione del futuro porto, richiamato il regolamento i consiglieri chiedono la nomina della commissione speciale”. Ora non resta che attendere risposta, ma nel frattempo è evidente che la maggioranza di centrodestra ad Anzio, ad un anno, dal voto, continua a fare le bizze.
Basta guardare le firme sotto al documento per capire che Fratelli d’Italia si è spaccata in più parti e che ci sono conti politici che non tornano. Il consigliere Davide Gatti, di recente deluso dall’esito delle elezioni in Area metropolitana è su posizioni polemiche con la maggioranza e, da tempo, chiede con insistenza le dimissioni dell’assessore ai Servizi sociali Velia Fontana. Il partito della Meloni è attraversato da correnti interne esasperate e, anche alla luce di questa comunicazione, non è escluso che altri consiglieri prendano le distanze da documenti chiaramente non condivisi. Fratelli d’Italia, non si può dimenticare, ha una rappresentanza interna alla Capo d’Anzio, che rende questa richiesta ancora più straordinaria. I documenti della Spa chiamata a realizzare il nuovo Porto, in ogni caso, sono disponibili per la consultazione per tutti i consiglieri comunali.
Restano fuori dallo scontro politico tutto il resto della maggioranza, a partire da Forza Italia che non entra nella vicenda ed evita lo scontro con il Sindaco, così come la Lega, ma anche buona parte dell’opposizione, che non ha sottoscritto l’idea della Commissione.