Home Politica Il consigliere di Anzio Federica De Angelis difende il Bilancio punto per...

Il consigliere di Anzio Federica De Angelis difende il Bilancio punto per punto

223
E’ il consigliere comunale di centrodestra Federica De Angelis ad Anzio a fare il punto sul documento economico cittadino, decisamente positivo secondo la consigliera che lo ha votato e sostenuto, a seguito di una serie di manifesti pubblicati ad Anzio dal Pd.
“Il bilancio di previsione 2022-2024. L’approvazione del Documento di programmazione e del Bilancio di previsione di Anzio entro il termine di legge del 31 Dicembre, senza beneficiare della proroga (sono esclusi dunque anticipazioni di spesa e ragionamenti in dodicesimi), è il cardine dell’azione amministrativa: permette di pianificare gli interventi pubblici che si vogliono attuare. Il Bilancio del Comune di Anzio stanzia :
_SPESA CORRENTE per circa 54,309 MLN DI EURO, per l’anno 2022, con previsione di
⁃ 3,835 MLN di Euro per l’istruzione e il diritto allo studio
⁃ 3,552 MLN di Euro per politiche sociali e famiglie
⁃ 17,500 MLN di Euro per sviluppo sostenibile e tutela ambiente
_SPESA IN CONTO CAPITALE per investimenti per l’anno 2022 di circa 12,306 MNL di Euro, compreso anche il piano triennale delle opere pubbliche.
L’ammontare dei prestiti previsti per il finanziamento di spese in conto capitale risulta compatibile con il limite della capacità di indebitamento prevista dal TUEL articoli 203 e 204. Le entrate correnti sono caratterizzate da un incremento del gettito generato anche dall’applicazione dell’addizionale IRPEF, la cui aliquota, che si attestava sino all’anno 2021 allo 0.5% su TUTTI i redditi, viene aumentata allo 0.8% sui redditi delle persone fisiche superiori a 12.000 Euro annui: è stata introdotta per la prima volta l’ESENZIONE per i redditi inferiori a 12.000 Euro annui.
Il costo della raccolta dei rifiuti è maggiore rispetto agli anni appena trascorsi, il servizio è stato affidato per la prima volta a una società partecipata pubblica garantendo in tal modo la possibilità di modulare la raccolta in base alle reali esigenze del territorio e dell’utenza. È dovere dell’amministrazione vigilare sul corretto espletamento del servizio stesso. L’ente locale ai sensi dell’articolo 242 co. 1 del TUEL NON È strutturalmente DEFICITARIO, non ricorre nessuna delle condizioni previste dalla normativa.
L’organo di revisione contabile, esprimendo un PARERE FAVOREVOLE sulla proposta di bilancio di previsione 2022-2024 e sui documenti allegati, ha certificato:
⁃ per la parte corrente: congruità e attendibilità;
⁃ per gli investimenti: conformità e coerenza;
⁃ per le previsioni di cassa: attendibilità.
“BILANCIO DISASTROSO”?
NO, non lo è!”. Questo l’orgoglioso commento della consigliera.