Home Cultura e Spettacolo “Liberi nel cuore”: un incontro per ricordarci l’integrazione delle realtà disabili

“Liberi nel cuore”: un incontro per ricordarci l’integrazione delle realtà disabili

191

Si è tenuto ieri all’Oratorio di Santa Barbara a Nettuno, l’evento “Liberi nel cuore”, una manifestazione che ha riunito Associazioni impegnate nel sostegno di persone disabili anche sul territorio. Per Michele Cioffi, nelle vesti di organizzatore e presentatore, un evento importante: “Un momento di integrazione delle realtà disabili da cui far iniziare il nostro impegno verso le persone affette da disabilità, la nostra cura verso di loro non finisce qui; non possiamo fingere, quando torniamo a casa, di aver risolto tutto con un incontro”.
All’evento si sono seguite sul palco non solo le rappresentanze e i presidenti e le presidentesse delle Associazioni presenti, ma anche le Autorità locali e regionali, come Fabio Capolei e due donne che hanno portato una inconfondibile grinta sul palco.
Tutto parte da un “grazie”, come dice l’autore Cioffi. “Grazie” alle Associazioni che hanno voluto essere presenti portando queste persone a raccontare la propria storia con le loro disabilità. Alla platea ricorda: “il cuore è il muscolo più importante e deve essere allenato, questo è essere “liberi nel cuore”, questo ci insegnano queste Associazioni.
Sul palco musica, con la voce di Carmela Testini che ha scaldato la platea interpretando grandi classici della musica italiana, danza, con le esibizioni delle allieve della scuola di danza “fuoricentro” che hanno raccontato con il corpo il messaggio dell’incontro e letteratura, con la “lettura” fatta da Mauro Iandolo di estratti del libro di Michele Cioffi “Non avrai bisogno di chiedere” nella Lingua dei segni italiana. Poi le storie emozionanti raccontate dai rappresentanti delle associazioni: Rosanna Baroni referente di Anzio e Mettuno per l’Associazione Italiana Ciechi ed Ipovedenti; Mauro Iandolo del Laboratorio LIS; Fabrizio Sabellico per l’Associazione Italiana Persone Down, Carla Magliocchetto, presidente dell’Associazione Nazionale Donne Operate al Seno, che sul palco ha portato il suo “pizzico di follia”; Marco Laurini da Nati 2 Volte Onlus, poi la storia di Maria Grazia Tomei, dall’Associazione “Un Angelo per Amico 2000” che, circondata dai baldi volontari della Protezione Civile e i Vigili del Fuoco, ha raccontato come i suoi angeli, i vigili del fuoco, le hanno salvato la vita dopo un incidente automobilistico. L’intervento di Grazia ha voluto anche ricordare l’impegno e il sacrificio dei Vigili del fuoco italiani.
In fine, ultime, ma non ultime, sul palco una triade tutta al femminile, che ha portato sul palco la loro emozione, il loro sorriso e i più sentiti ringraziamenti ai lavori irrefrenabili di queste Associazioni, impegnate anche sul territorio. Camilla Ludovisi, Assessore alla pubblica istruzione, edilizia scolastica e politiche culturali di Nettuno, Ilaria, collaboratrice e assistente sociale di Nettuno, e Maddalena Noce, Assessore politiche sociali ed assistenziali e protezione civile di Nettuno.
Tutti gli interventi si sono conclusi con la consegna di una targa celebrativa ed un omaggio floreale.
La conclusione, con un monito importante, di Michele Cioffi: “Liberi nel cuore, significa fare rete, rimanere uniti per dare il nostro sostegno a chi ne ha bisogno”.