Home Politica Presentato ieri al Forte Sangallo a Nettuno il progetto “Scuole Sicure”

Presentato ieri al Forte Sangallo a Nettuno il progetto “Scuole Sicure”

160

È stato presentato ieri presso il Forte Sangallo di Nettuno, alla presenza dei rappresentanti di tutti plessi scolastici e delle forze dell’ordine del territorio, il progetto “Scuole Sicure” a cura del Corpo della Polizia Locale di Nettuno che ha ottenuto il finanziamento del Ministero dell’Interno. Ad illustrare il progetto il Sindaco Alessandro Coppola, l’Assessore alla Sicurezza e alla Polizia Locale Luca Zomaprelli, il Comandante F.F. Albino Rizzo e la dirigente dell’Area Vigilanza, il segretario generale Noemi Spagna Musso.
“Ringrazio – dice il Sindaco Alessandro Coppola – tutti i presenti, l’assessore Zomparelli che ha coordinato il progetto, il comandante f.f. Albino Rizzo e i suoi collaboratori e le forze dell’ordine sempre impegnate con efficienza a garantire la nostra sicurezza sul territorio. Il progetto si compone in due fasi. La prima potremmo definirla di ‘repressione’ con l’installazione delle telecamere che agevoleranno il compito delle forze dell’ordine. La seconda di ‘educazione’ che è di pari importanza”.
Continua il Sindaco “gli eventi legati allo spaccio e all’uso di sostanze stupefacenti si evitano e si limitano solo informando gli studenti e formando gli educatori che hanno un compito e una funzione essenziale per perseguire l’obiettivo di debellare la piaga della droga e li ringrazio pubblicamente per quello che fanno e che faranno. Il nostro esempio di vita deve essere una guida per i nostri figli e i nostri nipoti e tutti noi dobbiamo impegnarsi nel combattere questo fenomeno nel nostro agire quotidiano”.
“Questo progetto è iniziato due anni fa – spiega, invece, il Comandante F.F. Albino Rizzo – la pandemia ha fatto slittare i tempi e oggi siamo in grado di iniziare. Il progetto prevede l’installazione di un servizio di videosorveglianza davanti a tre plessi scolastici del territorio: l’Istituto Emanuela Loi, l’Itis e il plesso di via Canducci. A questo si affiancherà una seconda fase, che partirà non appena le norme sanitarie permetteranno di attuarla nella massima sicurezza possibile, di informazione e formazione. Andremo nelle scuole, in special modo nelle superiori, in cui informeremo i giovani dei pericoli delle droghe e dell’alcol. Con dei visori gli studenti potranno vivere una simulazione dello stato psicofisico che segue all’assunzione di droghe leggere, droghe pesanti e alcol con l’obiettivo di fargli rendere conto del rischio che comporta l’assunzione delle stesse”.
“Sicurezza non deve essere solo uno slogan, ma una realtà – aggiunge a gran voce l’assessore alla Sicurezza Luca Zomparelli – Una realtà che per noi è partita questa estate con un progetto di monitoraggio e prevenzione del territorio grazie al coordinamento tra tutte le forze di polizia iniziato con il tavolo interforze che ha permesso a cittadini e turisti di vivere una stagione tranquilla. Colgo l’occasione per ringraziare il comandante F.F. Albino Rizzo, tutto il corpo della Polizia Locale di Nettuno, le forze dell’ordine che sono qui presenti oggi, la consigliera comunale Lorenza Alessandrini e il garante dei minori Maria Pia Baldo che vedo tra il pubblico e che sono sempre attivi per quanto riguarda i temi della sicurezza e dei minori. Voglio precisare che abbiamo scelto queste tre scuole perché fuori dal circuito della videosorveglianza cittadina e comunque questo rappresenta solo l’inizio di un progetto che potrà essere rifinanziato e implementato. Con queste videocamere permetteranno di individuare automobili impegnate in attività sospette consultando direttamente le banche dati a nostra disposizione fornendo un mezzo prezioso alle forze dell’ordine per individuare i responsabili di attività illecite. Lo scopo è sia repressivo che preventivo con l’educazione degli studenti e giovani fronteggiando il decadimento culturale della nostra società. Le scuole sono il cuore pulsante del nostro progetto, per cui ringrazio anche chi ci ha preceduto come l’ex assessore Marco Roda e il dirigente Benedetto Sajeva, e per questo la collaborazione con i dirigenti scolastici è fondamentale al fine sensibilizzare e informare gli studenti del nostro territorio”.