Home Cronaca Armi e droga in casa, i Carabinieri arrestano due persone a Corso...

Armi e droga in casa, i Carabinieri arrestano due persone a Corso Italia

2551

E’ terminata alle 10,30 circa l’Operazione antidroga dei Carabinieri di Anzio, con il supporto dei colleghi di Frascati, delle Unità cinofile e dell’elicottero di Pratica di mare.
Al termine dei controlli sono state tratte in arresto due persone, residenti in due diversi appartamenti. Il primo è un uomo residente nella Scala B, un italiano classe ’67 che in casa aveva oltre 500 grammi di marijuana, una pistola finta priva di tappo rosso, munizioni calibro 38 special, numerose munizioni a salve e numerose armi bianche, tra cui coltelli con lama superiore a 15 cm, un machete, oltre al materiale per il confezionamento e la sufddivisione della droga in dosi da spacciare sul mercato locale.
La seconda è una donna, classe ’74, con precedenti di polizia, trovata in possesso di 50 grammi di hashis e materiale per il confezionamento.
I Carabinieri hanno poi trovato negli spazi comuni del palazzo centrale ulteriori dosi di droga pronta allo spaccio, in particolare 105 dosi di crack, ma anche cocaina e marijuana per un peso complessivo di un chilo di sostanza stupefacente. Trovata una pistola in un’intercapedine del palazzo, un bilancino di precisione, oltre ad una mazza da baseball e ad un dispositivo di allarme acustico, utilizzato dagli spacciatori per segnalare la presenza delle forze di polizia. Tutto il materiale è stato posto sotto sequestro e sarà sottoposto ad ulteriori indagini. Infine i Carabinieri hanno segnalato allaPrefettura un soggetto  trovato in possesso con un modico quantitativo di hashis per uso personale. I Carabinieri, infine, chiedendo l’aiuto della Polizia locale di Anzio, hanno fatto rimuovere tre vetture in stato di abbandono che si trovano in aree limitrofe alla zona di spaccio e nei garage o nelle pertinenze del palazzo in cui si trovano gli appartamenti sottoposti a perquisizione a Corso Italia 54. I Carabinieri hanno rimosso la rete oscurate del palazzo che copriva la visuale nella zona di spaccio. Tagliate infine, con la collaborazione dell’Ufficio Ambiente, diverse piante attaccate alla recinzione in cui si spacciava, che  impedivano la visuale dell’area di spaccio. La zona è stata bonificata e c’è da giurare che i controlli dell’intera zona non finiranno di certo oggi.

I cani dei carabinieri hanno perquisito giardini e abitazioni
Le Unità cinofile