Home Cronaca Violenze sulla compagna a Nettuno, la Polizia arresta lo “Sciamano”

Violenze sulla compagna a Nettuno, la Polizia arresta lo “Sciamano”

1920

La tenacia investigativa del team Codice rosso del commissariato pubblica sicurezza di Anzio e Nettuno, dopo la denuncia di una giovane donna, la quale dietro l’imposizione psicologica del compagno, dopo atti violenti si è procurata una ferita che ha leso i tendini del braccio, procurandole la non mobilità dell’arto, ha portato all’arresto del responsabile. Dopo una serie di azioni investigative, dirette dalla procura della repubblica di Velletri, nella giornata di ieri è stato tratto in arresto un uomo di 41 anni, originario dei Castelli ma da tempo residente a Nettuno, chiamato dalle persone che lo frequentavano lo sciamano.
La vittima, lo aveva conosciuto circa un anno e mezzo fa e dopo qualche tempo era andata a convivere con lo lui. I rapporti tra di loro però erano via via degenerati in un crescendo di violenza nei confronti della donna. Il compagno, infatti, come denunciato dalla vittima, nell’ultimo episodio avvenuto l’11 agosto scorso, l’aveva ferita con una tazza provocandole un taglio all’avambraccio con lesione di un tendine e conseguente ricovero in ospedale con 30 giorni di prognosi. Gli investigatori del Commissariato di Anzio, recatisi in ospedale, avevano ascoltato le dichiarazioni della donna: continue violenze, minacce subite, oltre a costrizioni fisiche e psicologiche messe in atto dall’uomo, con il divieto di frequentare o incontrare altre persone senza il suo consenso, il non poter mangiare se non con lui e il controllo della rubrica del cellulare con la cancellazione di tutti i contatti. Dopo la dimissione dall’ospedale, la donna ha presentato la denuncia contro il 41enne. In un precedente episodio l’uomo, mentre stavano litigando in macchina, per impedirle di scendere dall’auto, accelerava la corsa e perdeva il controllo del mezzo. Nella circostanza la donna aveva riportato la frattura della III vertebra lombare con una prognosi di 25 giorni.
Dopo una attenta indagine coordinata dalla Procura della Repubblica di Velletri, che ha emesso nei confronti dell’uomo Ordinanza di Custodia Cautelare in carcere, gli agenti della Polizia di Stato hanno arrestato M.F.