Home Politica L’opposizione di Nettuno domani in piazza, protesta contro il consiglio on line

L’opposizione di Nettuno domani in piazza, protesta contro il consiglio on line

"Dopo tante sollecitazioni il Sindaco Coppola e il presidente Barraco hanno deciso di mantenere il Consiglio Comunale in sessione online

131

“Dopo tante sollecitazioni il Sindaco Coppola e il presidente Barraco hanno deciso di mantenere il Consiglio Comunale in sessione online dimostrando disprezzo per il confronto pubblico e timore dei cittadini. Lo ripetiamo da giorni ormai: ci sono le condizioni per fare il Consiglio in presenza con la massima sicurezza. In Italia stanno ricominciando i concorsi pubblici con migliaia di candidati, assurdo credere che non si possa riunire un’assemblea di trenta persone. Si poteva optare per altre sedi o rimandare di qualche giorno per organizzare l’assemblea ad Anzio. Purtroppo alle concilianti dichiarazioni del Sindaco non seguono atti concreti (verrebbe da dire: come al solito). Decidere di imporci la sessione su piattaforma digitale è l’ennesima meschina strategia per gettare nell’ombra l’attività amministrativa e per depotenziale l’unico organo collegiale con legittimazione democratica. È evidente l’intenzione di non dare risalto a una maggioranza disunita e incapace di assumersi responsabilità. Per queste ragioni abbiamo deciso di scendere con i nostri computer in piazza, tra i cittadini, e dimostrare che in questa città c’è ancora chi vuole fare politica a viso aperto senza bisogno di nascondersi. La prima parte della riunione la seguiremo da lì, fin quando le batterie resisteranno tentando simbolicamente e concretamente di riportare la politica nella piazza. Invitiamo tutti i consiglieri comunali liberi a partecipare con noi domattina alle 10 davanti al Palazzo Comunale, distanziati e nel rispetto della normativa covid”. Così in una nota stampa i consiglieri comunali di opposizione Antonio Taurelli, Roberto Alicandri, Marco Federici, Enrica Vaccari, Waldemaro Marchiafava, Daniele Mancini e Simona Sanetti.