Home Attualità Visita didattica, gli studenti di Anzio V sul molo della Capo d’Anzio...

Visita didattica, gli studenti di Anzio V sul molo della Capo d’Anzio Spa

​Nuova visita didattica degli studenti del territorio, domani 21 Giugno, nell’ambito del progetto avviato nei mesi scorsi tra la Capo d’Anzio Spa

156

​Nuova visita didattica degli studenti del territorio, domani 21 Giugno, nell’ambito del progetto avviato nei mesi scorsi tra la Capo d’Anzio Spa e l’Assessorato alla Pubblica Istruzione del Comune di Anzio, ‘Scuole in Porto’. Grazie all’iniziativa di studio storico ed archeologico del territorio che l’Assessorato e la Dirigenza scolastica dell’Istituto comprensivo Anzio V stanno portando avanti all’interno del piano ‘Scuole aperte d’estate’, i ragazzi della secondaria di primo grado ‘Virgilio’ incontreranno i dipendenti della Capo d’Anzio Spa, in totale sicurezza e nel massimo rispetto della normativa Covid.
Gli studenti, accompagnati dagli insegnanti, avranno l’occasione di vedere, da vicino, il funzionamento della struttura operativa di Anzio, che svolge un ruolo chiave, non solo in ambito portuale ma anche di sicurezza dello specchio acqueo e delle aree in concessione. “Dopo la visita dei ragazzi dell’Istituto Nautico che ha aperto la strada per una proficua collaborazione con la Capo d’Anzio Spa – dice l’Assessore alle Politiche della Scuola, Laura Nolfi – anche gli studenti del ‘Virgilio’ incontreranno gli Ormeggiatori ed il personale amministrativo della società che gestisce il Porto, luogo simbolo della ripresa economica e turistica della Città di Anzio.  L’area portuale è parte integrante della Città di Anzio e delle nostre Scuole, per le quali già durante l’estate e poi con la ripresa delle lezioni a settembre, ci sarà un coinvolgimento diretto. L’obiettivo è quello di recuperare una parte di progettualità persa durante l’anno scolastico a causa della pandemia. Stiamo ragionando, insieme al Sindaco, Candido De Angelis, su altre iniziative per le classi della Primaria, Secondaria e Istituti superiori, alla scoperta del nostro Mare e di quel senso di appartenenza alla propria Scuola, alla propria Città ed al proprio Porto”.