Home Primo Piano Il Nettuno baseball annuncia l’ingaggio del lanciatore Carlos “Calique” Teran

Il Nettuno baseball annuncia l’ingaggio del lanciatore Carlos “Calique” Teran

La dirigenza del Nettuno Baseball Club annuncia l’ingaggio del lanciatore italo-venezuelano Carlos “Calique” Teran. Un innesto che permette

52

La dirigenza del Nettuno Baseball Club annuncia l’ingaggio del lanciatore italo-venezuelano Carlos “Calique” Teran. Un innesto che permette di allungare il monte di lancio a disposizione del manager Guglielmo Trinci.
Carlos Teran è nato a Barquisimeto in Venezuela l’11 marzo 1993, è arrivato nel campionato italiano a 22 anni, nel 2015 ingaggiato dal San Marino. Nelle due stagioni successive passa al Rimini dove vince lo scudetto nel 2017. Ultima stagione in Italia nel 2019 nel roster del Nettuno Baseball City. Convocato con la nazionale italiana in occasione del Premier12 di Taiwan nel 2015 e del Super6 ad Haarlem nel 2018.
La dirigenza da il benvenuto a Carlos nel roster per la stagione 2021.
L’annuncio di Teran chiude la fase di mercato in questa offseason, come annuncia il DS Leonardo Mazzanti:
“Carlos Teran chiude per ora il nostro mercato. Ovviamente saremo pronti a valutare ed eventualmente cogliere ogni occasione che potrebbe arrivare da qui all’inizio della stagione. Come saremo pronti a intervenire durante la stagione se la squadra necessiterà di qualche aggiunta. Pensiamo di aver fatto il massimo sul mercato, sempre seguendo le indicazioni dello staff tecnico. Abbiamo allestito un roster di altissima qualità, completo in ogni reparto e con alternative importanti in ogni ruolo. Non è stato facile, il Covid comunque condiziona tutto e le trattative ne devono tenere conto. Purtroppo dobbiamo rinunciare a Ademar Rifaela per il quale la federazione olandese non concede il transfer. Ademar ha lo status A in quanto atleta della nazionale olandese, però lui voleva fortemente venire a giocare a Nettuno ed ha infatti firmato un contratto con noi. Abbiamo provato a prenderlo comunque, cercando di convincere la federazione olandese. Le regole però vanno rispettate e quindi è giusto che Rifaela rispetti quelle della federazione olandese. Ringraziamo Ademar che resta comunque un giocatore di grande interesse per noi e lo seguiremo anche in futuro, magari il suo arrivo si potrà concretizzare nelle prossime stagioni. Ringraziamo anche la federazione olandese che ha risposto alle nostre domande ed è stata disponibile ad ascoltarci”.
Il mancato ingaggio di Rifaela è stato comunque ben compensato con l’arrivo di Quincy Latimore: “Rifaela è un bomber e Quincy lo è sempre stato in ogni campionato che ha disputato nella sua carriera. Direi che abbiamo cercato il meglio per sopperire al mancato arrivo dell’olandese. Sottolineo che Latimore lo seguiamo da tanto tempo, doveva essere uno dei nostri rinforzi se nel 2020 avessimo disputato la Serie A1. E’ un grandissimo giocatore, oltre che potentissimo battitore è anche un grande difensore. Ripeto, abbiamo fatto il massimo per allestire una squadra in grado di lottare da subito con le grandi del campionato”.