Home Cronaca Un capitano di Paranza alla Giannino: “Fondali chiusi, non possiamo tornare”

Un capitano di Paranza alla Giannino: “Fondali chiusi, non possiamo tornare”

"Buongiorno, sono un capitano di un motopeschereccio (paranza) di Anzio. Le scrivo questa lettera per dirle che ormai il fondale è completamente chiuso

1146

“Buongiorno, sono un capitano di un motopeschereccio (paranza) di Anzio. Le scrivo questa lettera per dirle che ormai il fondale è completamente chiuso. Ogni giorno tracciamo una traccia che bisogna ricambiare il giorno dopo poiché il mucchio di sabbia frana da fuori verso terra. Stamattina con il mare grosso le barche hanno toccato tutte, tra cui anche la mia tranne quelle piccole. La paura ci ha preso a tutti e per adesso non possiamo rientrare sperando che dopo bonacci un po’. Grazie della sua attenzione”. “Questa lettera – fa sapere tramite nota stampa il consigliere comunale del Pd di Anzio Lina Giannino – mi è giunta questa mattina. Sinceramente l’ho letta con un tonfo nello stomaco. Io Rosalba Giannino, consigliere Pd denuncio pubblicamente questa amministrazione di tutto il dissesto sia economico che gestionale di ciò che è avvenuto al nostro porto, e la ritengo responsabile di qualsiasi incidente avvenga alle barche e agli equipaggi della nostra marineria. E con Essa tutti coloro che hanno votato in consiglio comunale il mantenimento della Marinedi nella Capo d’Anzio. Ora non possiamo più aspettare”.